Sgombero locali: come trovare un tesoro in cantina

Quando si leggono gli annunci delle aziende che svolgono lo sgombero di locali vari spesso ci si fa attirare da annunci che dichiarano “sgombero appartamenti gratis”. Ma cose si può svolgere un lavoro senza richiedere un compenso? Semplice, si spera che tra gli oggetti da buttare ci sia qualche tesoro.

Rivendere la merce usata

trovare tesoro in cantinaMolti si trovano a dover sgomberare dei locali, appartamenti o cantine private, o anche locali commerciali o magazzini. In queste situazioni conviene sempre tenere conto del fatto che tra gli oggetti da buttare si può sempre trovare qualcosa che ha un valore, a volte anche elevato.

Alcuni vecchi oggetti molto diffusi, come ad esempio lampade da tavolo, Televisori o piccoli elettrodomestici, sono oggi apprezzati articoli di modernariato, per i quali i collezionisti sono pronti a pagare cifre astronomiche. Se non si ha la fortuna di conservare, tra gli oggetti della nonna, vecchi pezzi di design, può comunque capitare di avere mobili che possono essere ancora utilizzati.

O anche abbigliamento dei decenni passati, attrezzatura sportiva, stoviglie. Molte di queste cose possono essere portate ad un Mercatino dell’usato, per rivenderle. La cifra ottenibile a volte è irrisoria, ma visto che si tratta di oggetti che avremmo buttato, è sempre meglio che niente.

Guadagnare dallo sgombero

Per guadagnar da uno sgombero occorre avere occhio attento e una certa esperienza nella valutazione del materiale vecchio. A volte infatti un vecchio mobile può necessitare di essere ripulito, o addirittura restaurato, prima di comprenderne il vero valore.

Alcuni oggetti dovranno essere sistemati o riparati prima di poterli vendere. Il primo passo per guadagnare da uno sgombero consiste quindi nel rimuovere tutti gli oggetti dai locali da svuotare, per poi disporli separati tra loro. Stiamo parlando in pratica di sbrogliare una matassa, per osservare con cura tutto ciò che si cela in una vecchia cantina, nell’appartamento dei nonni o nel solaio di un edificio appena acquistato.

Se non si ha grande dimestichezza con certi tipi di materiale è anche possibile chiedere aiuto ad un esperto, magari un amico appassionato di design. A volte può essere utile anche contattare i gestori di un mercatino dell’usato, che possono effettuare un sopralluogo per valutare tutto ciò che abbiamo trovato.

I resti invece, i vecchi elettrodomestici rotti o i piatti scheggiati, andranno conferiti alla più vicina discarica. A tal proposito potrebbe essere utile noleggiare un mezzo idoneo, per rendere le operazioni più rapide.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*