CASO VERMI nella pasta degli alunni a Genzano: la ditta di ristorazione all’Amministrazione “La segnalazione della presenza d’insetti in stato di larva ci è pervenuta solo da questa scuola”

Nella giornata di oggi è stata presentata, all’Amministrazione Comunale della città di Genzano, una relazione da parte della ditta di ristorazione che fornisce i pasti del servizio mensa alla scuola vermi GenzanoDe Amicis della città, dopo i recenti casi di ritrovamento di vermi nella pasta degli alunni.  Nella relazione la ditta, dopo aver inviato una funzionaria direttamente sul posto, specifica:”La segnalazione della presenza di insetti in stato di larva ci è pervenuta solo da questa scuola”; inoltre nella stessa relazione la ditta asserisce che sono state effettuate delle verifiche d’ambiente nei magazzini e che dall’analisi macroscopica effettuata sulla giacenza non emerge alcun tipo d’infestazione. Per un’ulteriore verifica è stata effettuata anche una prova di cottura dei legumi senza riscontrare la presenza di insetti nel prodotto. Si legge ancora nella relazione:”Pur comprendendo le reazioni dei genitori e la criticità del fatto, teniamo a precisare che dal punto di vista della salubrità degli alimenti, tenuto conto della cottura ad alte temperature del prodotto in questione (ebollizione a 100 gradi per diversi minuti) non si ravvisa pericolo per la salute”.

Sull’esito della questione si è espresso anche il Sindaco di Genzano Daniele Lorenzon, che afferma:”Mi conforta sapere che dalle prime analisi effettuate dalla ditta di ristorazione non si ravvisano concreti pericoli per la salute dei nostri piccoli consumatori. Queste prime informazioni pervenute non sono però sufficienti a sedare le nostre preoccupazioni: ci atterremo ad applicare le clausole del contratto vigente con la ditta di ristorazione e se necessario siamo pronti ad adottare i dovuti provvedimenti. Siamo in attesa dei risultati dell’ispezione che abbiamo richiesto alla Asl il giorno stesso dell’accaduto e a ragion veduta aspettiamo le disposizioni in materia”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*