Cultura, economia, arte e solidarietà nell’edizione 2017 del Gran Premio Internazionale di Venezia

Ci sono momenti che sembrano durare per sempre. Fermi immagine della realtà che si imprimono a fuoco vivo nella nostra anima. Il 30 settembre, l’Italia ha vissuto uno di quei momenti. Le stelle dell’imprenditoria italiana hanno brillato all’unisono, e nello stesso luogo, sotto l’egida imperturbabile di un Canal Grande fulgido come non mai.

leone d'oro veneziaUn continuo amalgamarsi di cultura, economia, arte e solidarietà nel corso di uno degli eventi più importanti del 2017 ha preso forma a Venezia, nella splendida cornice del Circolo Unificato dell’Esercito, all’interno dello storico Palazzo Cornoldi.

Non poteva essere da meno il Gran Galà del Gran Premio Internazionale di Venezia, il cui Leone d’Oro risplende dal 1947.

Una data che le più note personalità del mondo istituzionale nonché dello spettacolo e della politica a livello internazionale avevano già appuntato da tempo sul calendario, fin dallo scorso 21 luglio, quando alla Camera dei Deputati si sono svolte le nomination in vista dell’appuntamento di Venezia, ovvero il conferimento del Leone d’Oro per l’Imprenditoria, dedicato ai professionisti che hanno contribuito alla crescita italiana, nonché del Leone d’Oro per la Pace e per i meriti professionali. Ma anche molti altri i riconoscimenti, passando dal Leone d’Argento alla Targa istituzionale per citarne solo alcuni.

leone d'oro venezia“Quello che si è svolto quest’anno”, sottolinea il presidente del Comitato del Gran Premio Internazionale di Venezia, il dott. Sileno Candelaresi, “non è solamente il conferimento di uno dei riconoscimenti più prestigiosi del Bel Paese, ma mi piace considerarla anche come una sorta di ‘pietra miliare’ all’interno della manifestazione stessa. Il 30 settembre abbiamo potuto celebrare insieme il 70° anniversario del Gran Premio, il cui comitato mi onoro di presiedere. Alle nostre spalle abbiamo settant’anni di storia, ma davanti a noi abbiamo una miriade di astri nascenti da valorizzare. Il Leone d’Oro per la Pace, in particolare, vuole essere un simbolo, un emblema di rinascita in un mondo così martoriato dagli attuali sconvolgimenti geopolitici”.

E l’attesa non ha tradito le aspettative. Una serata meravigliosa, la cui vera protagonista è stata proprio l’Italia, e la sua ineguagliabile capacità di rifulgere in tutti i campi dello scibile.

“Benvenuti a questa prestigiosa e unica manifestazione a livello mondiale, nel cuore scintillante di Venezia”, ha esordito l’attrice Luz Adriana Sarcinelli, presentatrice dell’evento, di fronte a una platea gremita, “Il  gruppo editoriale Armando Curcio Editore spa, in collaborazione con la C holding Srls, la Venice in the world srls e il Leone di San Marco srls sono lieti di presentare il Gran Galà del Premio Internazionale di Venezia. Ogni anno siamo lieti di assegnare riconoscimenti speciali alla creatività italiana, per festeggiare il meglio di un paese straordinario”.

Una doverosa introduzione storica da parte della presentatrice Luz (che per tutto l’arco della conduzione è riuscita ad amalgamare eleganza e competenza al fascino di un’ironia ben strutturata), e poi la “passerella” di eccellenze, guidate dalla voce di Luz e invitate a “raccontarsi” ai microfoni del Gran Premio.

La serata è proseguita con la cena istituzionale, dove i premiati hanno potuto aggiungere una venatura di convivialità alla bellezza di una serata che già fa crescere le aspettative per l’edizione 2018.

Quello che è certo è che i tanti presenti, riconoscendo il valore, il prestigio e la creatività delle eccellenze nostrane, si saranno addormentati con un sorriso di gioia e chissà, magari anche una lacrima di commozione.

I PREMIATI

Leone d’oro per meriti professionali

Avv. Luigi De Filippis, per la credibilità e l’importanza del valore espresso nella comunicazione nel mondo della cultura e dello spettacolo, nel campo produttivo cinematografico, teatrale e televisivo.

Leone d’oro per la comunicazione nazionale

Radio Italia Anni ’60 – Ritira il premio il dott. Alessandro Raffaelli

Leone d’oro per meriti professionali

Davide Pedon, Fondatore “Tramezzino NYC”

Leone d’oro per meriti istituzionali

Senatore Mario Baccini

Leone d’oro alla carriera per meriti professionali

Vittorio Unfer della Lo. Li Pharma Srl

Leone d’oro per la comunicazione

Dott. Roberto Zanella (Radio Bella & Monella)

Leone d’oro per meriti professionali

Prof. Daniele Popolizio

Fabio Caso

Prof. Antonio Popolizio

Leone d’Oro alla Carriera

Prof. Dott. Luciano Baietti Guinness World Record per il maggior numero di lauree (15)

Leone d’Oro per la Pace.

Alle donne di Fede per la Pace. Ritira il premio la dott.ssa Lia Beltrami

Leone d’Argento

La cantante Federica Carta

Targa del leone d’oro

Colonnello Michele Sandri e Colonnello Raffaele Barcone

Attore Gabriele Marconi targa per meriti professionali

Stefano Gualandi

Olimpia Capitano

Caramanna Gioielli

Dott Gianfranco Galli

Cantine Marisa Cuomo

Nemesi Legal (ritira il premio il dott. Emanuele Longobardi)

Miglior attore di cinema 2017 Omar Monno

Miglior attore di teatro 2017 dott. Edoardo Baietti

Maestro Valerio Chiesa

G&B partners srl Valentina Giannelli e Valentino Buti

Caseificio “La fattoria di Paraggio” Cosimo & Luciano

Aisver Tecnologie (ritira dott.ssa Cristina Pirisi)

Pro Gest di Anna & Bruno Zago

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*