Il Parco si attiva per il Piano Antincendio 2018

La scorsa stagione estiva è trascorsa all’insegna della criticità legata ai numerosi incendi aggravati dalle elevate temperature, nonché da azioni dolose che hanno mandato in fumo ettari di operazione Parcoterritorio, compresi Siti di Interesse Comunitario arrecando gravi danni agli ecosistemi e mettendo a repentaglio le abitazioni a ridosso di campagne e aree boscate. Proprio per questo il Parco regionale dei Castelli Romani si prepara ad affrontare la stagione estiva 2018, attivandosi con un progetto basato sul contrasto dei rischi legati agli incendi boschivi attraverso un’adeguata campagna di prevenzione.
Nell’ambito del Bando Pubblico PSR (Programma di Sviluppo Rurale) 2014-2020, operazione 8.3.1: “Prevenzione dei danni alla foreste da incendi boschivi, calamità naturali ed eventi catastrofici”, è stata presentata alla Regione Lazio una domanda di finanziamento per un sistema di monitoraggio antincendio, che ricopre l’intero perimetro del Parco. L’operazione, prevista dal Reg. 1305/2013 dell’Unione Europea, si propone di favorire la migliore gestione delle foreste, prevenendo i fenomeni che possano incidere negativamente sui boschi, quali incendi o disastri naturali, per una migliore conservazione della biodiversità e del paesaggio.
Il progetto prevede l’installazione di  postazioni di osservazione diffuse nei territori notoriamente più a rischio, compresa una stazione di controllo a Rocca di Papa (RM),  presso “Villa Barattolo”, sede dell’Ente.
Un progetto ambizioso – commenta il presidente del Parco, Sandro Caracci – che auspichiamo venga finanziato per darci gli strumenti concreti allo svolgimento dell’importante attività antincendio, la quale necessita, proprio per la criticità del territorio, di politiche organiche di prevenzione e contrasto”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*