Redimere ladri con una lettera? I bambini di Frascati ci provano

Ha fatto molto eco ai Castelli Romani la notizia del furto della palma a Frascati, piantata in Frascati bambinioccasione della Festa dell’albero al Parco dell’Ombrellino. Una notizia che sconvolge soprattutto visto che l’albero era stato piantato da dei bambini, alunni della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo Frascati 1º. Proprio questi bambini nella giornata di ieri hanno deciso di scrivere una lettera indirizzata a questi ladri, nel tentativo di redimerli e di convincerli a restituire la palma, spiegando loro l’importante che per loro ha quella pianta.

Di seguito riportata la lettera.

Cari ladri, proprio cari non lo siete, avete fatto qualcosa di veramente brutto, non solo è un furto di cui potreste anche andare in galera, ma avete danneggiato qualcosa di cui tutti noi bambini ci sentivamo proprietari, quindi avete fatto un furto anche a noi. Non è carino derubare una cosa ai bambini che hanno piantato con tanto amore e affetto. Quando abbiamo saputo la notizia il cuore ci è salito in gola e per un momento si è fermato come se avessero rubato una delle cose e cui tenevamo di più. Vorremmo farvi una domanda: – Ma voi con questa palma cosa ci fate? La rivendete? -.   Qualunque sia l’uso che ne fate siete delle persone malvagie, non potete immaginare l’emozione che abbiamo provato il 21 novembre in occasione della Festa degli Alberi, durante la piantumazione eravamo così felici, abbiamo fatto un lavoro enorme: disegni, cartelloni, poesie e canzoni e ora voi questa felicità siete riusciti a distruggerla e pensare che ci avevano consegnato anche il certificato di adozione, per proteggerla e controllarla e noi l’avremmo curata come una nuova compagna, perché per noi il Parco dell’Ombrellino è il nostro parco giochi, la nostra casa. Quindi ora vi chiediamo un favore. – Potete riportare la pianta?- Ve lo chiediamo non solo per la natura, ma anche per il bene della comunità di Frascati. E ricordate che le piante sono di proprietà della natura, del parco, del comune e nostra!

P.S. Speriamo che leggerete la nostra lettera

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*