Gli auguri di Natale della Pro Loco Velitrae

La Pro Loco Velitrae ha voluto rinnovare gli auguri di Buon Natale ai soci e ai simpatizzanti dell’associazione, domenica 17 dicembre.

velletri nataleDurante il pranzo la dott.ssa Patrizia Audino, ospite deliziosa, ha intrattenuto i soci della Pro Loco, con letture della tradizione popolare veliterna. Ha ripercorso la ricorrenza del Capodanno e dell’Epifania, come veniva festeggiata a Velletri, con gli occhi e le emozioni dei grandi poeti dialettali, confrontandoli con il pensiero di altri grandi, quali il grande Vate Trilussa (che ha soggiornato a Velletri e frequentato sia pur saltuariamente, la nostra bella e antica città).

Patrizia Audino ha interpretato: La Fede (Trilussa), Er Presepio ( Trilussa) Natale de guera(Trilussa, ‘A notte de Natale (Lucia Mammucari), I biscottini de Natale ( Lucia Mammucari), Busseno tutti a Capodanno (Roberto Zaccagnini), ‘O sasso de Capodanno (Lucia Mammucari e Colombo Cafarotti), Il sasso (anonimo), A Pasquella (Colombo Cafarotti).

’O sasso de capodanno

‘A dì de Capodanno, a ‘o vecchio monno,

ce stea l’usanza ch’ogni regazzino

se ‘ncolléa ‘n sasso pe’ portallo a nonno

e gli’ ‘o mettea denanzi a lo scalino. 4

E nonno e nonna pe’ rincompenzallo

de chillo sasso oppure de ‘n ciocchitto,

glie denno l’uva passa e ‘n Portogallo

e co’ la grascia pure ca’ bocchitto. 8

A noa ce parerinno cose strane;

issi che freddo e fame ènno patito

p’assicurasse u’ mmozzico de pane,

tra tante sofferenze ènno capito 12

che da lo celo ‘n cade mai la manna.

E mó che stenno bene de natura,

mó che tenenno l’asino e ‘a capanna,

mó che gli era passata ‘gni paura,

facénno portà ’n sérgio a ’na cratura

denanzi a lo scalino de lo nonno,

volènno aricordà si comm’è dura;

aricordà comm’era nato ‘o monno!

Colombo Cafarotti

Tratte da ROBERTO ZACCAGNINI, La letteratura vellatrana. Storia e antologia… Autori e testi…, Velletri,

Edizioni Scorpius, 1997, pp. 295-300.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*