Panettone avanzato? Ecco 4 semplici modi per riciclarlo

 

Le festività natalizie son oramai giunte al termine e come purtroppo spesso accade ci si ritrova con una innumerevole quantità di dolci natalizi acquistati e mai aperti. Fra questi di certo il pandoro è il più gettonato.

panettone avanzato modiEcco qui proposti da Castelli News alcuni modi per riciclare uno dei dolci tipici del Natale.

 

Tiramisù di Panettone. Per realizzare questa particolare ricetta è sufficiente sostotuire al posto dei savoiardi delle fette di panettone, uniformi e spesse circa un paio di centimetri. La ricetta poi è la medesima del tiramisù classico…

Toast. Salati o dolci? I toast di panettone risolvono il dilemma, sono facili da preparare e ideali per una colazione, una merenda o un pranzo post-natalizio. Per realizzarli è necessario tagliare le fette di panettone in verticale e tostarle come fosse pane. Una volta che saranno diventate croccanti si possono farcire a scelta con marmellata, cioccolato, salumi o della bresaola.

Risotto allo zafferano. Una ricetta inaspettata ma che se ben seguita darà i suoi buoni risultati a tavola. Per realizzare il risotto allo zaffeano con il panettone bisogna: cuocere il risotto in bianco, mantecarlo con del burro e  aggiungere Grana Padano, scorza d’arancia e un filo di aceto bianco. Preparare in seguito una salsa con: zafferano  acqua, scalogno, vino bianco, un poco di maizena e un pizzico di sale. Infine mescolare la salsa con il risotto nel piatto e cospargere il tutto con pezzetti di panettone.

Tartufini al cioccolato. Per realizzare questa deliziosa ricetta bisogna innanzitutto: tagliare il panettone a dadini, sbriciolarlo e versare un bicchiere di limoncello con 120 ml di panna fresca. In seguito grattugiare della buccia d’arancia, impastare e creare dei piccoli tartufi da far rotolare nel cacao. Per la glassa basterà portare ad ebollizione la panna con del cioccolato fondente a pezzetti da far colare sui tartufi. Infine decorare a piacimento con pistacchi tritati o mandorle.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*