Perdere perso per la prova costume: i migliori rimedi naturali per dimagrire

Arriva il caldo e tutti sentiamo il desiderio di stare più tempo all’aperto, di vestirci di meno, di andare in spiaggia a goderci il sole e il mare. Ma come siamo messi per la prova costume? Purtroppo la maggior parte delle persone tende ad accumulare qualche chiletto nel corso dell’inverno; si tratta di una quesitone puramente fisiologica, non è necessariamente una colpa correlata al mangiare troppo o in modo disordinato. Fortunatamente ci sono numerosi rimedi naturali per dimagrire in modo sano, senza stravolgere completamente il nostro organismo e le nostre abitudini quotidiane.

Quanto e perché siamo ingrassati

perdere peso per prova costumePer poter dimagrire in modo sano è importante, come primo passo, capire quanti chili dovremmo perdere e le motivazioni che ci hanno portato ad accumularli. C’è chi si porta ancora dietro 3-5 chili ottenuti grazie ai pranzi delle feste con i parenti, chi invece ha diminuito la propria attività fisica a causa del freddo e delle giornate piovose.

Se si sono accumulati diversi chili in un breve periodo di tempo è opportuno recarsi dal medico, perché potrebbero essere in atto problematiche che necessitano della sua attenzione. Lo stesso dicasi per chi ha vari chili di troppo, alcune decine: per perdere peso in questi casi è importante coinvolgere un dietologo, che ci saprà dare i giusti consigli.

In ogni caso i rimedi naturali che consentono di perdere i liquidi in eccesso e di aumentare le calorie bruciate ogni giorno sono validi per tutti, anche per chi deve perdere moltissimi chili o ha problemi di salute, sempre restando all’interno delle sue possibilità personali.

Il metabolismo

Spesso chi ha qualche chiletto di troppo tende a dichiarare di avere il metabolismo rallentato. Mediamente un adulto consuma circa 2.000 calorie al giorno, parte delle quali vengono bruciate dal corpo per le sue funzioni fondamentali, quali respirazione , digestione e così via; un’altra parte viene invece bruciata dalla muscolatura durante il movimento.

Spesso ci si trova nella situazione in cui “il metabolismo è rallentato” in quanto si possiede un’eccessiva quantità di massa grassa, a discapito della massa magra. Chi possiede una buona quantità di massa magra, ossia di muscoli, tende a bruciare molto di più rispetto a chi ha molta massa grassa, a parità di attività svolte nel corso della giornata.

Il modo più naturale possibile per perdere peso quindi, senza modificare la propria alimentazione, consiste nell’allenare i muscoli aumentandone le dimensioni. Senza dover diventare dei body builder, almeno una giornata a settimana di lavoro in sala pesi può fare la differenza.

L’alimentazione

L’aumento di peso è quasi sempre correlato ad un’alimentazione scorretta. Non si tratta per forza di alimentarsi in modo squilibrato, ma spesso parliamo di un eccessivo quantitativo di calorie rispetto all’attività fisica che si svolge nel corso della giornata. Quindi, o aumentiamo il dispendio energetico, o diminuiamo l’introito calorico. Il modo migliore per perdere peso consiste nell’adottare le due strategie: cominciamo a fare sport almeno un paio di volte a settimana e consumiamo alimenti meno calorici.

Per farlo non serve diventare dei super eroi della palestra e mangiare come uccellini, soprattutto se dobbiamo perdere solo qualche chilo o vogliamo sentirci più in forma. L’attività fisica può consistere anche in una passeggiata di 30-45 minuti ogni giorno: alziamoci un’ora prima rispetto al solito e facciamo una bella passeggiata prima di andare al lavoro.

Per quanto riguarda l’alimentazione spesso le diete falliscono perché sono eccessivamente restrittive. Se vogliamo mangiare meglio, introducendo meno calorie, verifichiamo il quantitativo di grassi che introduciamo negli alimenti, evitando di usarne più di 1 cucchiaio da tavola al giorno. Consumiamo più cereali integrali e abituiamoci a sostituire gli snack dolci o unti con frutta e verdura fresche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*