Percorso Niliano, il Sindaco Andreotti in visita ufficiale a Orsomarso

Il sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti visiterà oggi, venerdì 8 giugno 2018, il Comune di Orsomarso

La visita rientra nell’ottica della creazione di un ”percorso niliano” e unirà formalmente attraverso un protocollo d’intesa che sarà sottoscritto ufficialmente nella giornata odierna, le comunità di Orsomarso, Grottaferrata e Montesano sulla Marcellana.

Andreotti guiderà una delegazione istituzionale del Comune di Grottaferrata che sarà formata inoltre dal vicesindaco e assessore alla Cultura, Luciano Vergati, dal consigliere comunale Massimiliano Di Giorgio, dal dottor Lorenzo Bongirolami, presidente del Gruppo Archeologico Latino e dalla dottoressa Beatrice Fortini, responsabile della segreteria del sindaco.

Visita del Sindaco Luciano Andreotti a Orsomarso, oggi 8 giugno

L’intesa è stata firmata alle 12 presso la chiesetta bizantina di San Leonardo al centro del comune cosentino. Alla conferenza di presentazione e firma dell’importante documento, oltre ai sindaci Antonio De Caprio (Orsomarso), Luciano Andreotti (Grottaferrata) e Giuseppe Rinaldi (Montesano sulla Marcellana), vi sono: il presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, il direttore della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Catanzaro Cosenza e Crotone, Mario Pagano, il Direttore del Segretariato Regionale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per la Calabria, Salvatore Patamia.

La costituzione del ”Percorso niliano”, tracciato che partirà da Rossano Calabro (Cs) per arrivare a Grottaferrata (Rm), dovrà unire i luoghi toccati dal Santo nel suo peregrinare.

A tal fine, i tre Comuni proponenti assumono l’impegno di propugnare e divulgare questo protocollo d’intesa presso altri Comuni interessati, quali: Montecassino, Bisignano, Bracigliano, Oria, Rofrano, Sant’Elia Fiumerapido, San Giovanni a Piro, San Mauro La Bruca e Rossano Calabro, affinché sostengano anch’essi attività similari che afferiscano alla valorizzazione di questo progetto promozionale, realizzabili con iniziative come convegni, visite guidate dei territori interessati, mostre, stages su archeologia locale, folklore, artigianato e sviluppo del commercio.

Il sindaco di Gaeta, dottor Cosmo Mitrano ha già manifestato l’interesse della sua amministrazione a partecipare al protocollo d’intesa.

”Sono davvero lieto di questo momento di incontro ufficiale nel nome di San Nilo che ci apprestiamo a vivere con i comuni di Orsomarso e Montesano sulla Marcellana” dichiara il sindaco di Grottaferrata Luciano Andreotti.
”Ci ho tenuto in modo particolare e con tenacia a proporre la costituzione di una unione di comuni sul percorso niliano che valorizzi tutti i luoghi ove il santo ha predicato. Il progetto costruito in modo unitario dalle comunità verrà presentato al Miur per essere riconosciuto come uno dei percorsi storici del monachesimo italiano. Mi onora particolarmente, in tal senso – prosegue Andreotti – il fatto che proprio Grottaferrata, città che più di tutte, a partire dal nome, trae la sua stessa identità dal passaggio di San Nilo, sarà capofila di un progetto così prezioso e pronto a lasciare tracce evidenti negli anni e nei decenni a venire”.

”Si tratta di un passaggio atteso e sentito – prosegue il primo cittadino grottaferratese – coltivato, per quel che riguarda la storia della mia Amministrazione, già nel corso dei dodici mesi trascorsi che hanno visto delegazioni del comune campano di Montesano e di quello calabrese di Orsomarso giungere nella nostra Grottaferrata, in più occasioni, ultima delle quali la fiera, che hanno evidenziato come tante bellezze e attività peculiari e tradizionali si specchiassero poi nell’altissimo riferimento spirituale che è poi il nostro santo patrono. In questo senso un particolare ringraziamento lo merita il dottor Bongirolami del Gruppo Archeologico Latino grazie al quale ogni tessera di questo complesso e interessante mosaico ha trovato con coerenza, competenza e compiutezza fino ad arrivare alla importante giornata di domani”.

”Le possibilità anche pratiche, dal punto di vista culturale, che la creazione ufficiale di un percorso mette a disposizione non sono infatti poche” conclude il sindaco. ”Le illustreremo perché sempre più pellegrini, turisti, appassionati di storia e tradizioni millenarie speriamo possano e vogliano condividerle con noi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*