Street food italiano: i panzerotti

In estate si esce di più, non solo per andare al mare o al lago, ma anche per mangiare fuori. Uno dei trend che si sono imposti maggiormente negli ultimi anni in Italia è quello dello street food: cibo venduto per strada, normalmente da furgoncini appositamente modificati per diventare piccoli ristoranti su ruota dai quali si può ordinare qualsiasi varietà di piatto. Non si tratta solo di cibo etnico, come l’indiano o il kebab rivisitato in chiave moderna, ma anche di piatti tipici della tradizione italiana, primo fra tutti il panzerotto.

street food italiano

Un piatto dalla lunga storia

Si sentono molte leggende sull’origine di questo piatto, ma la storia più credibile fa risalire il panzerotto addirittura al XVI secolo, nella città di Bari. Si tratta della versione più probabile della storia, perché coincide con il periodo di diffusione del pomodoro in Italia e vede il panzerotto come un piatto povero, che nasce come modo per riutilizzare i piccoli scarti di impasto per fare il pane. Infatti, i rimasugli, a base di acqua, poco lievito, sale e farina, venivano farciti con pomodoro e formaggio, spesso mozzarella, e fritti in abbondante olio di oliva, anche se oggi spesso vengono cotti al forno.

Da allora, tale tradizione non è mai passata di moda e oggigiorno i panzerotti si possono ordinare anche online, su siti come Deliveroo, che permettono di ordinare piatti interessanti e comfort food dalla comodità del divano di casa, senza rinunciare al sapore della tradizione.

Le mille varianti

Esistono molte ricette dei panzerotti, ma quelle tradizionali si contano sulle dita di una mano.

In Puglia, oltre alla classica ricetta a base di pomodoro e mozzarella, spesso arricchita con ricotta salata, sono presenti altre due varianti tipiche: quella farcita con carne macinata, tipica della zona di Bari, e quella ripiena di cime di rapa stufate.

Le differenze fra le varie città pugliesi sono più che altro relative alle tecniche di preparazione, per esempio il tipo di olio da usare, la quantità di acqua nell’impasto o il modo di chiudere il panzerotto, con forchetta o con le mani. Oggi esistono anche varianti moderne, le più apprezzate sono con mortadella e provolone, gorgonzola e salsiccia, cipolle, stracciatella e pomodorini essiccati. Esistono anche versioni a base di pesce, come acciughe e capperi, e alcune rivisitazioni che usano prodotti tipici del Nord Italia, come lo speck.

Anche le varianti gourmet si stanno facendo notare nelle bancarelle e nei locali dedicati in tutta Italia, come quelle farcite con ingredienti come la crema di tartufo o la crema di pistacchi di Bronte.

i condimenti

Le versioni dolci

Se avete voglia di un panzerotto, ma non volete rinunciare al dolce, sappiate che ne esistono anche di dolci.

Vi consigliamo la versione con crema leccese ed amarene, oppure quella a base di pasta frolla al cacao ripiena di crema al cioccolato fondente. Ovviamente, non può mancare il classico panzerotto ripieno di Nutella, noto anche all’estero come specialità italiana.

Qualsiasi versione vogliate provare non avrete problemi: questo piatto è facilmente reperibile in tutte le principali città italiane. Buon appetito!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*