Immortalato biancone in volo al Parco Regionale dei Castelli Romani

Parco Regionale dei Castelli Romani, fotografato in volo un esemplare di biancone

Uno scatto che ferma per un attimo il volo del biancone (Circaetus gallicus) e che ci permette di ammirare tutta la sua regalità. La foto, scattata da Flavio Felici, un appassionato di fotografia naturalistica, restituisce una immagine molto dettagliata del rapace, in volo nei cieli di Monte Compatri (RM), e regala la sensazione di volare insieme a lui.

Scatto ad un biancone in volo al Parco Regionale Castelli Romani

La presenza ai Castelli Romani di questo rapace, in un periodo in cui non ci sono migrazioni (che, dunque, rendono più facile osservarlo in volo ma che testimoniano solamente il passaggio e non la presenza stabile), fa ipotizzare l’esistenza di un sito di nidificazione nel territorio.

Se questa ipotesi venisse confermata (i tecnici naturalisti dell’Ente Parco effettueranno a breve dei sopralluoghi nell’area in cui è avvenuto l’avvistamento), sarebbe un ulteriore segnale che lo stato di salute dell’ambiente è buono: la presenza, infatti, di un predatore all’apice della catena alimentare dimostra indirettamente che, nel territorio, vivono anche le prede, necessarie al suo sostentamento.

Biancone (Circaetus gallicus)
Nella Lista Rossa nazionale è considerata una specie “vulnerabile”.
In generale i principali fattori limitanti sono rappresentati dagli abbattimenti illegali, dall’episodico furto di nidiacei, dal taglio indiscriminato dei boschi e soprattutto dall’alterazione degli habitat trofici con la messa a coltura di incolti e pascoli, lo spietramento, il dissodamento, l’eliminazione di siepi e alberature che creano il mosaico di habitat adatto alla vita dei serpenti, prede abituali del Biancone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*