Velletri, causò la morte di una donna in gravidanza. Arrestato

Velletri, provocò il decesso di una donna incinta. Arrestato

In data 28 luglio 2018, i carabinieri del nucleo investigativo, unitamente a quelli della Stazione CC di Cisterna di Latina, coadiuvati da quelli della Compagnia CC di Velletri, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Gip presso il tribunale di latina nei confronti di un 30enne di Cisterna di Latina, rintracciato a Velletri, in quanto ritenuto responsabile dei reati di “omicidio stradale aggravato, lesioni personali stradali gravissime, guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti ed in stato di ebbrezza alcolica, ed interruzione della gravidanza”.

Le indagini, intraprese dalla stazione di Cisterna a seguito del sinistro con conseguente decesso di una 27enne avvenuto in data 16.02.2018 e successivamente delegate per i relativi approfondimenti al nucleo investigativo consentivano di accertare che: – il predetto arrestato, in data 21.01.2018, benchè in stato ebbrezza alcolica e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, si poneva alla guida di un’autovettura, con a bordo la vittima, in stato interessante, e le figlie di lei di 5 e 2 anni, tutte residenti a Cisterna di Latina.

Mentre percorreva una pubblica via a velocità eccedente i limiti, perdeva il controllo del mezzo che andava ad impattare contro un palo dell’enel ribaltandosi e prendendo parzialmente fuoco. A seguito del sinistro la donna, trasportata presso l’ospedale civile di Latina decedeva il 16.02.2018 per le gravi lesioni riportate con conseguente interruzione della gravidanza e morte del feto, mentre le citate minori riportavano lesioni gravissime con prognosi rispettivamente di 60 e 130 giorni; – la citata autovettura era sprovvista di copertura assicurativa e la patente del reo era scaduta da un anno.

L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Latina a disposizione della competente

Provocò la morte di una donna in attesa. Arrestato

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*