Ssd Colonna (calcio, II cat.), Bartoli: Bella vittoria sul Marna, ma restiamo coi piedi per terra

La Seconda categoria del Colonna apre col botto la sua stagione. Nel match d’esordio di ieri sul campo del Marna, i ragazzi di mister Luca Esuperanzi hanno vinto con un netto 4-1 grazie alla doppietta di Tiberi e ai gol di Faraglia e Barani. L’unica nota stonata è stato l’infortunio muscolare che ha messo fuori causa il capitano Daniele Bartoli poco prima dell’intervallo.

ssd colonna calcio seconda categoriaNon ci voleva, ma già sto scalpitando per rientrare e tornare ad aiutare i miei compagni anche se in questi casi bisogna fare le cose con calma – dice il trequartista classe 1994 che commenta il match d’esordio del Colonna.

Siamo andati sotto su un calcio di rigore in quella che, di fatto, è stata l’unica azione pericolosa degli avversari. Per il resto, abbiamo dominato la partita trovando l’immediato gol dell’1-1 con Tiberi e poi a inizio ripresa il vantaggio con Faraglia: da quel momento in avanti la sfida è andata in discesa e abbiamo conquistato il successo con pieno merito.

Il capitano del Colonna, ormai elemento “storico” del gruppo castellano, parla con prudenza della stagione della squadra.

Dobbiamo rimanere coi piedi per terra, anche se c’è tanta fiducia nei nostri confronti da parte di tutto l’ambiente. Dobbiamo ragionare solamente sulla partita che ci attende e non fissare obiettivi al momento. Molto dipenderà da come scendiamo in campo perché spesso abbiamo dei black out che ci costano cari.

Nel prossimo turno il Colonna debutterà anche tra le mura amiche del campo “Tozzi”.

Ospiteremo la Virtus Mole e speriamo di allungare la nostra striscia positiva.

Il gruppo, comunque, sembra chiaramente in crescita e in piena sintonia con mister Esuperanzi.

Lavoriamo da quattro anni assieme al nostro tecnico e sicuramente la squadra è migliorata nel tempo. Vedremo se in questa stagione riusciremo a toglierci delle soddisfazioni importanti – conclude Bartoli.

Area comunicazione Ssd Colonna

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*