Passaggio a livello sulla Campoleone-Nettuno: trovati rifiuti e ordigni bellici durante i lavori

Prime risposte concrete per la vicenda del rallentamento dei lavori viari nel quartiere “Casello 45”. A intervenire è l’onorevole Raffaele Trano, portavoce alla Camera dei deputati del M5S.

Modifica circolazione treni sulla linea Roma-CampoleoneRingrazio il dott. Aldo Isi – dichiara Raffaele Trano – per aver condiviso le informazioni sull’avanzamento dei lavori della nuova rotonda con conseguente eliminazione del passaggio a livello della linea ferrata Campoleone – Nettuno, al km 45 + 805. Il dirigente agli investimenti di Rfi – Gruppo Ferrovie dello Stato Italiano, nel rammaricarsi per le cause imprevedibili che hanno determinato il rallentamento dei lavori (interferenze con sotto servizi non censiti, ritrovamento di rifiuti nei terreni oggetto di escavo, individuazione di ordigni bellici), mi ha assicurato circa la predisposizione di una viabilità alternativa, per la quale sarebbe prevista entro il mese corrente il rilascio dell’autorizzazione paesaggistica, necessaria per l’esecuzione dei lavori in un quadro di legalità.

Per quanto riguarda invece l’appalto vero e proprio, il cui termine era indicato a settembre 2017, prendiamo atto del nuovo cronoprogramma, che sposta la consegna dell’opera alla fine del 2019.

Dopo il sopralluogo compiuto a fine agosto con gli attivisti del m5s di Aprilia – insiste Trano – sono stato contattato da molti abitanti preoccupati per la situazione di un quartiere che nonostante tutto in questi anni ha provato a rialzare la testa. Ci auguriamo, che alle parole seguano i fatti perché i loro sforzi non vengano vanificati. Va nella giusta direzione il ripristino delle recinzioni per frenare l’attraversamento dei binari e l’istituzione di una navetta per i pendolari. L’obiettivo rimane comunque quello di cancellare all’origine i giri in macchina chilometrici per tornare a casa.

Ad un anno dalla chiusura del passaggio a Livello di Casello 45 – precisa l’attivista Ilenia Borace – prendiamo atto delle nuove scadenze enunciate da Rfi per la modifica temporanea (apertura di via Vesuvio) e quella definitiva della viabilità. Come Meetup stiamo seguendo la vicenda e molti passaggi non ci sono chiari. Ringraziamo il gestore della rete ferrata ed il nostro Portavoce parlamentare per aver compiuto un’operazione trasparenza. Chiediamo ora però al Comune di fare altrettanto, perché sulle modalità mediante le quali sorgerà la nuova strada non rimangano ombre. Per questo, usando tutte le prerogative di cui dispone la nostra forza extraconsiliare, monitoreremo gli atti amministrativi, affinché siano rispettati i canoni della legalità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*