Giuseppe D’Alonzo, sindaco di Crognaleto, cittadino onorario di Castel Gandolfo

Il Consiglio Comunale di Castel Gandolfo, su proposta della stessa Giunta, ha deliberato di consegnare l’onorificenza della “cittadinanza Onoraria” al Sindaco di Crognaleto Giuseppe D’Alonzo per le tante attività svolte in favore delle collettività che accomunano i due paesi dei rispettivi comuni, Pavona e Cesacastina.

sindaco di CrognaletoIl primo cittadino di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi, unitamente alla sua municipalità nella mattinata di sabato ha conferito l’atto al “collega” D’Alonzo, nella sala civica e alla presenza di moltissime persone. Tanti gli interventi dei singoli cittadini sia di Crognaleto che di Castello che hanno espresso soddisfazione per il riconoscimento. Le motivazioni trascritte nell’atto sono riferite alle due collettività di Pavona e Cesacastina che per motivi legati alle condizioni lavorative, alle transumanze si sono allontanate dalla terra nativa e hanno comunque mantenuto la memoria dei luoghi e la storia delle proprie radici.

“Ricevere un così alto e nobile riconoscimento – è stato il commento del sindaco D’Alonzo – sensibilizza ancora più quella parte che ho in me verso l’unione delle collettività, l’integrazione dei popoli ed in particolare la memoria storica di persone che per necessità legate al lavoro, alla transumanza e alle sorti della vita, si sono spostate verso la grande città e nello specifico il comune di Castel Gandolfo. Ho avuto modo di stringere con orgoglio la mano all’intera Municipalità di Castello coordinata dal Sindaco Milvia Monachesi, persona splendida, capace e colma di valori. Nello spirito della partecipazione e della valorizzazione dei nostri concittadini, elementi fondamentali che ci accomunano e per i quali legheremo i nostri Comuni, mi è stata conferita la Cittadinanza Onoraria. Ho preso un impegno pubblico e farò tutto quanto è nelle mie possibilità affinché il nobile atto venga trasferito a tutta la mia collettività ed in particolare alla cittadinanza di Cesacastina, il paese che unisce”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*