Il commissario Bruno Strani sul progetto “Invasioni Creative”: “Esalta le identità locali e le tradizioni”

Il Commissario Straordinario Bruno Strati, nella mattinata di oggi, nel corso della presentazione alla stampa del programma 2016-2018 di Castelli Romani Invasioni Creative, ideato e promosso dall’Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio, è intervenuto portando il saluto dell’Amministrazione Comunale di Frascati.

 

commissario prefettizio bruno strati rapina frascati«Questa iniziativa, che chiamerei inclusioni creative perchè esalta le identità locali, le culture, le tradizioni, i costumi, modulandosi secondo le differenti particolarità, valorizza un’area ampia, quella dei Castelli Romani, ne elogia la bellezza ed ha la sua forza nella trasversalità delle esperienze e delle competenze che mette in campo – ha dichiarato il Commissario Strati -. Frascati nei giorni scorsi è stata al centro di una serie iniziative, che hanno coinvolto associazioni, istituzioni e soggetti privati, presentando affascinanti eventi che hanno richiamato molti cittadini. Positivo è stato anche il coinvolgimento delle scuole e soprattutto del Centro di Salute Mentale dell’Ospedale di Frascati. L’Amministrazione Comunale continuerà dunque a dare la sua disponibilità e a favorire l’iter progettuale delle iniziative che saranno portate avanti nel prossimo biennio e che vede coinvolti importanti e prestigiosi partner istituzionali come il Mibac, il Miur, la Regione Lazio e il Parlamento Europeo».

 

Alla conferenza stampa di presentazione, che si è svolta nella Sala Spadolini del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, in via del Collegio Romano, erano presenti Paolo Masini (Consigliere del Ministro Franceschini), Silvia Costa (Presidente Commissione Cultura del Parlamento Europeo), Onofrio Cutaia (Direttore Generale Spettacolo dal Vivo), Lidia Ravera (Assessore Cultura Regione Lazio), Cristian Carrara (Presidente Commissione Cultura Regione Lazio) l’Amministratore Delegato dell’ATCL Luca Fornari e il Direttore dell’ATCL Sandro Berdini. La conferenza stampa ha messo in evidenza il programma di iniziative ideate appositamente per mettere in rete comuni, istituzioni, scuole, centri di salute mentale e operatori, per la realizzazione di una serie di attività coordinate e diffuse in un territorio omogeneo e a forte vocazione turistica e culturale.

 

Per l’Assessore alla Cultura della Regione Lazio Lidia Ravera: «Questo progetto è una perfetta illustrazione di quello che la Regione intende per politica culturale sul territorio, ovvero mettere in rete tutto quello che consente di mantenere aperte fucine di attivismo artistico. Nelle Invasioni Creative dei Castelli Romani vengono coinvolte le officine culturali, i fab lab, le residenze nei teatri, le residenze di teatro sociale, al pari delle scuole di ogni ordine e grado. Luoghi che raccolgono, che insegnano e poi rimangono, nei paesi nelle periferie, che non bruciano come i grandi eventi in una notte, ma restano per fertilizzare il territorio».

 

Per l’Eurodeputata Silvia Costa: «Il progetto dei Castelli Romani è la testimonianza della capacità di costruire reti tra interlocutori di istituzioni diverse, facendo dialogare la cultura del territorio con la prospettiva europea, coinvolgendo partner di altri paesi nella costruzione di un percorso che valorizzi le diversità e rafforzi il concetto di coesione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*