Dall’antica Roma ai giorni nostri: come si è evoluto il gioco d’azzardo

Roma Caput Mundi, anche nel gioco d’azzardo. Molti di noi, infatti, hanno sempre pensato che i casino facessero parte solo della cultura contemporanea e invece con grande stupore la storia ci porta numerose testimonianze della presenza del gioco d’azzardo nell’antica Roma.

Naturalmente oggi possiamo contare su diverse tipologie di giochi dal vivo e sul web dove per giocare in tutta sicurezza bisogna solo affidarsi a casino online AAMS che garantiscono qualità dei prodotti e operazioni di trasferimento denaro veloci ed efficaci. Alla luce di questa modernità che ormai ci circonda ed è diventata normale, le modalità di gioco degli antichi romani possono sembrare molto primitive ma in realtà sono anche molto attraenti.

Per esempio è interessante scoprire che il gioco faceva parte della quotidianità di tutti gli stati sociali, infatti, sia il popolo che i ceti più alti avevano la possibilità di giocare in vari luoghi pubblici adibiti a sale da gioco. I luoghi principali dove si giocava erano le dimore private, soprattutto per i più ricchi, ma esistevano delle taverne chiamate Panem et Circenses dove si poteva giocare e mangiare contemporaneamente.

come si è evoluto il gioco d’azzardoI predecessori dei nostri casino si chiamavano invece Tabernae Lusoriae e qui i romani potevano cimentarsi in vari giochi tra i quali i dadi che erano i più popolari, tuttavia la lista è molto varia e ne comprende alcuni proibiti perché considerati troppo dispendiosi.

Tra questi il Navia aut capita, che consisteva nel lanciare la moneta e scommettere su quale lato sarebbe caduta, un gioco abbastanza rischioso perché troppo dipendente dalla casualità e dalla fortuna che tuttavia proprio per questo era molto amato.

Giochi celebri come gli Scacchi e il Backgammon avevano anche i loro antenati romani e rispettivamente il Ludus Latrunculorum e il Ludus Duodecim Scriptorum erano molto praticati anche grazie alla loro componente strategica che consentiva lo sviluppo di abilità logico matematiche. Tutto quello che oggi sappiamo su questi antichi giochi lo dobbiamo ai numerosi poeti romani che grazie alla scrittura hanno raccontato di queste forme di intrattenimento e di come si svolgevano. Grazie ai Saturnalia di Macrobio ad esempio siamo venuti a conoscenza del fatto che i Saturnali erano una delle più importanti ed amate festività romane che duravano dal 17 al 23 Dicembre e durante quei giorni era consentito svolgere attività ludiche che in altri periodi dell’anno erano meno praticate o addirittura proibite, tra i quali appunto i giochi d’azzardo.

Forse non è un caso se oggi durante il periodo delle festività natalizie il gioco s’intensifica e ci si ritrova spesso, a casa di amici o online, a tentare la fortuna. Nel ventunesimo secolo, con l’avvento di internet, il gioco d’azzardo ha subito molti cambiamenti, la varietà di giochi è senza dubbio aumentata ma lo spirito del gioco e l’adrenalina sono rimaste immutati nel tempo. Le opportunità di vincita sono di più (anche se bisogna sempre avere il controllo delle entrate e delle uscite) e questo dipende dall’introduzione di giochi sempre più interattivi che da una parte coinvolgono il giocatore e dall’altro incrementano le possibilità di ottenere successi.

Tra queste novità le slot online sono tra le più amate ma anche il blackjack online e il poker negli ultimi anni hanno visto un incremento di appassionati che ad un certo livello possono anche partecipare a tornei importanti con montepremi da capogiro. A differenza di quanto accadeva nell’antica Roma oggi è possibile giocare in qualsiasi momento del giorno e, grazie ai casino mobile, in qualsiasi luogo e per questo motivo nasce l’esigenza di rendere il gioco sicuro e di spingere i giocatori a rivolgersi solo a concessionari che sono legali e in regola con la normativa dettata dall’Agenzia delle Dogane e Monopoli (ADM) che vigila e controlla sulla correttezza di qualsiasi tipo di operazione in tutti i casino online italiani.

I casinò online oggi sono anche un fenomeno di forte coesione sociale, sia perché è possibile interagire con altri giocatori durante le partite, sia perché alcuni operatori possiedono delle chat dove poter chiacchierare. In un’era in cui la realtà virtuale lascia sempre meno spazio a quella reale, le chat dei casino diventano oggi un mezzo per fare amicizia e per scambiare consigli e strategie. Anche questo aspetto dimostra quanto il modo di percepire il gioco (ma anche di praticarlo) sia notevolmente cambiato rispetto ai tempi passati, se prima esso veniva visto più come una forma di intrattenimento oggi viene purtroppo associato ad un modo per far soldi facilmente. Talvolta persino i rapporti sociali vengono creati con lo scopo di raggiungere meglio obiettivi economici e il passo verso la dipendenza patologica può essere davvero breve.

Naturalmente non tutti i giocatori si iscrivono nei casino solo con lo scopo di far soldi, ed è opportuno segnalare che proprio per evitare la dipendenza, molte sale da gioco possiedono uno schema di regole ben precise, chiamato Gioco Responsabile (dall’inglese Responsible Gambling), che tutela i propri clienti. Un’antica forma di questo insieme di regole può essere ritrovata sempre a Roma dove per evitare ingenti perdite erano vietate certe forme di gioco. Come abbiamo visto la storia si ripete ciclicamente e probabilmente un giorno il nostro poker sarà il predecessore di un nuovo gioco ultra moderno e interattivo che coinvolgerà sempre più persone. Sarebbe divertente ma speriamo soltanto che non si perda mai l’aspetto più importante del gioco d’azzardo, ovvero il divertimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*