Velletri: presentazione del libro “Pandemia Spagnola e Grande Guerra – 1918-2018 Cento anni e cento Milioni di Morti”

Giovedì 24 gennaio alle 17 nella Sala Tersicore, la presentazione del libro di Alessandra Corvi su una delle più gravi pestilenze mai viste: la Spagnola

Anche un capitolo con il contributo di Fabio Taddei sui prigionieri austroungarici a Velletri che realizzarono la scalinata di viale Marconi

presentazione eventoTorna protagonista la scalinata di viale Marconi a poche settimane dall’apposizione della tabella che ricorda la sua realizzazione ad opera dei militari austro-ungarici prigionieri a Velletri.

L’occasione è data dalla presentazione del libro “Pandemia Spagnola e Grande Guerra. 1918-2018 Cento anni e cento milioni di morti” di Alessandra Corvi, edito da Sintagma, che si terrà giovedì 24 gennaio alle ore 17 nella Sala Tersicore, con il patrocinio del Comune di Velletri e in collaborazione con la Libreria Numero 6 di Roberto Zaccagnini.

L’autrice dell’opera, infatti, si è avvalsa della ricerca del veliterno Fabio Taddei, che è anche co-organizzatore e moderatore dell’incontro, per il capitolo dedicato a questa pagina poco conosciuta di storia locale e internazionale, ovvero l’impiego nell’agricoltura o nella realizzazione di opere pubbliche di prigionieri di guerra privati dei diritti e spesso anche della vita.

Il libro e la sua presentazione vogliono testimoniare non solo il centenario dal termine della Prima Guerra Mondiale, ma anche da una delle più gravi pestilenze mai viste nel mondo e anche qui nel nostro territorio: la Spagnola.

Se la guerra aveva stroncato milioni di vite, la Spagnola non fu da meno. Si stima che nel mondo abbiano perso la vita per causa sua oltre 48 milioni di persone.

Ogni città ha il suo monumento ai Caduti, dimostrando che da ogni centro abitato del Paese qualcuno è partito per quel fronte lontano. Se ci fosse un monumento ai Caduti dell’influenza Spagnola, accadrebbe la stessa cosa. Anche nella nostra città.

Il libro di Corvi prende spunto dai ricordi appuntati dalla nonna in un diario. La lettura della cronaca di una bambina suona come un drammatico bollettino di guerra le cui vittime, quasi quotidiane, sono compagni di gioco, giovani, anziani colpiti dal morbo che la censura bellica non voleva fosse reso noto.

Dalle pagine del libro emerge inoltre la difficile condizione femminile in quegli anni e come le donne, spesso vedove di guerra, ebbero un ruolo da protagoniste nelle rivolte per il riconoscimento dei diritti assistenziali.

Nella presentazione di giovedì 24 alle ore 17,00 nella Sala Tersicore del Palazzo Comunale interverranno l’autrice Alessandra Corvi, il Sindaco Orlando Pocci, il Presidente del Consiglio Comunale di Sermoneta Antonio Scarsella, il direttore dell’editrice Sintagma Mauro Nasi, modererà l’incontro l’ex Consigliere comunale Fabio Taddei.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*