Presentato il Progetto “Cappuccetto Rotto”, che interessa i Comuni di Marino, Albano, Frascati e C. Gandolfo

Grande interesse ha suscitato a Marino l’evento di presentazione del progetto CAPPUCCETTO ROTTO promosso dall’Associazione culturale la Terzina in collaborazione con la Cooperativa Sociale ONLUS GNOSIS, che gestisce una Comunità terapeutica per il recupero del disagio psichico a Castelluccia, con il patrocinio del Comune di Marino, del Comune di Albano Laziale e di quello di Frascati e, prossimamente, di quello di Castelgandolfo.

Una sala Consiliare gremita non soltanto dalla cittadinanza che ha voluto rendersi conto di persona della validità del progetto, ma anche da rappresentanti dei Comuni nei quali verrà realizzato il progetto, degli Istituti comprensivi coinvolti e degli Sponsor che hanno sostenuto l’iniziativa che sono stati accolti dal Vice Sindaco e Assessore alla Pubblica Istruzione Paola Tiberi e dall’Assessore ai Servizi Sociali Barbara Cerro. Presenti anche l’autore del progetto il M° Mario Alberti e Martina Nasini de La Terzina.

Progetto "Cappuccetto Rotto"

Li citiamo tutti ringraziandoli per la presenza: l’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Frascati Alessia De Carli, il Consigliere delegato ai Servizi Sociali Francesca Barbacci Ambrogi del Comune di Castelgandolfo, il Vice Presidente della BCC COLLI ALBANI Christian Massotti insieme al Presidente del Comitato Esecutivo Enrico Guidi. Per la GNOSIS Pierfrancesco Milana e tutti gli attori della Compagnia Instabile che darà vita a Cappuccetto Rotto. Per gli Istituti comprensivi i docenti referenti del progetto a cominciare dal prof. Riccardo Franchi per Marino centro, la prof.ssa Giovanna Ruffini per S. Maria delle Mole e la prof.ssa Barbara Balsamo per Frattocchie. Presente anche la dirigente scolastica dell’Istituto Maestre Pie Venerini prof.ssa Patrizia Manoni. Tra gli sponsor segnaliamo Giulio Frasi de La Funivia e il dr. Paolo Angelini dell’Associazione Nuova Linfa. Assenti giustificati i rappresentanti del Comune di Albano Laziale impegnati in una Commissione concomitante.

Il Comune di Marino ha deciso di patrocinare Cappuccetto Rotto – ha dichiarato il Vice Sindaco Paola Tiberi – per il messaggio che lancia e per la volontà di farlo attraverso la scuola che è luogo di inclusione, il luogo dove si fondano le basi per una mente aperta alle differenze, di qualunque natura esse siano., il luogo dove non deve trovare posto il bullismo e la discriminazione e dove si devono affrontare e sconfiggere.

Cappuccetto Rotto mi ha stupito – riferisce l’Assessore Barbara Cerro – per il grande lavoro minuzioso di preparazione e al tempo stesso di inclusione in uno scenario eterogeneo di protagonisti che condividono ognuno per le proprie abilità una parte che mette in risalto la propria individualità in un contesto collettivo e collaborativo cercando in questo contesto di inserire un messaggio forte di riscatto ecologico. Insomma un’Opera completa composta da musica dal vivo, con musicisti, da attori giovani e meno giovani alla loro OPERA PRIMA con una direzione attenta del Maestro Mario Alberti.

Un’opera scritta per i bambini pensando agli adulti” così scrive il M° Alberti nel libro che è stato edito per l’occasione dal quale è stato tratto lo spettacolo teatrale e che verrà letto e commentato nelle classi.

Gli scopi principali – dice il M° Alberti – sono innanzitutto divertire il pubblico, poi tirar fuori da ogni partecipante il meglio di sé, far capire quanto dolore provoca la discriminazione. Sostanzialmente abbiamo voluto affrontare tre temi: il bullismo, l’ecologia e il rispetto degli animali.

La psicologa e psicoterapeuta Anna Martella ha sottolineato come, attraverso questo spettacolo, si realizzi pienamente quel senso di comunità che porta a rinsaldare l’appartenenza al gruppo e ad esercitare per primi la solidarietà e il rispetto reciproci.

Il progetto verrà realizzato nel corso dell’anno a partire dal mese di marzo ed è stato richiesto anche dal Comune di Melfi e Viggiano e dalla Campania.

Ufficio stampa comune di Marino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*