Genzano – Vietato l’uso e la vendita non autorizzata di fuochi d’artificio

Tutelare  la pubblica incolumità e garantire la sicurezza urbana: con questo obiettivo il Sindaco di Genzano di Roma, Daniele Lorenzon, ha emesso una ordinanza con cui si vieta l’uso e la vendita non autorizzati di articoli pirotecnici nel territorio comunale in occasione delle festività di fine anno 2016 e inizio 2017.

 

genzano fuochi pirotecnici artificioNello specifico si vieta la vendita di ogni tipo di fuoco di artificio non ascrivibile alle categorie F1 e F2; il divieto riguarda anche i  minori di 14 anni per i fuochi di categoria F1 e i minori di 18 anni per quelli di categoria F2. Decorre dal 27 dicembre 2016  ed è valida fino al 3 gennaio 2017; la sua violazione prevede una multa che va da € 25,00  fino a € 500,00; riguarda sia i luoghi pubblici che i privati che abbiano ricadute su luoghi pubblici e oltre al divieto all’uso e alla vendita non autorizzati, raccomanda inoltre di non raccogliere botti petardi o qualsiasi artificio inesploso, né tanto meno di provare a riaccenderli.

 

“Proseguiamo sulla strada della sicurezza . – dichiara il sindaco Lorenzon – Con l’ordinanza firmata prima delle festività natalizie, ho voluto dare un chiaro segnale alla cittadinanza: la tutela delle persone, degli animali e del territorio viene prima di qualsiasi forma non tollerata di festeggiamento. L’uso  e la vendita non autorizzata di articoli pirotecnici, infatti, minacciano la pubblica incolumità e la sicurezza urbana: possono dare luogo al verificarsi di fatti anche gravemente lesivi, minacciano anche l’incolumità psicofisica degli animali, possono essere fonte di incendio (soprattutto se l’uso è da parte di minori o di persone che non possiedono i necessari requisiti personali o professionali), inoltre il frastuono provocato dall’accensione simultanea di prodotti pirotecnici coprirebbe l’attuazione di condotte criminali. Che siano festeggiamenti all’insegna della condivisione e della serenità. Si confida nella sensibilità e nel senso civico dei cittadini”. La Polizia Locale e gli altri organi di polizia vigileranno per assicurare il rispetto dell’ordinanza emessa.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*