Inquinamento a Ciampino: blocco dei veicoli fino al 30 dicembre

L’Amministrazione comunale informa la cittadinanza che, con Ordinanza n. 17 del 23/12/2016, il Sindaco di Ciampino ha disposto il DIVIETO di circolazione nella zona “Fascia Verde” (individuata con atto di G.C. 5/2014 – vedi mappa) per le giornate di Martedì 27, Mercoledì 28, Giovedì 29 e Venerdì 30 dicembre 2016, dalle ore 7.30 alle ore 12.30 e dalle 16.30 alle ore 20.30, per i seguenti veicoli dotati di motore Endotermico:

inquinamento mappa ciampinoalimentati a benzina “pre-Euro 1” “Euro 1” ed “Euro 2” (ovvero non conformi, a secondo della categoria di veicolo, alla Direttiva 94/12/CEE e successive, oppure alla Direttiva 96/69/CEE e successive, oppure alla Direttiva 91/542/CEE – Fase II e successive , oppure alla Direttiva 1999/96/CEE – Riga A e successive);

  • alimentati a Gasolio benzina “pre-Euro 1”, “Euro 1” “Euro 2” ed “Euro 3” (ovvero non conformi, a secondo della categoria di veicolo, alla Direttiva 98/69/CEE e successive, oppure alla Direttiva 1999/96/CEE – Riga A e successive, oppure alla Direttiva 1999/96/CEE – Riga B1 e successive);

  • Ciclomotori e motoveicoli “pre-Euro 1” ed “Euro 1” a due, tre e quattro ruote, dotati di motore a 2 o 4 tempi (ovvero non conformi, a secondo della categoria di veicolo, alla Direttiva 97/24/CEE – Fase II e successive, oppure alla Direttiva 2002/51/CE – Fase A e successive).

Sono inclusi nella “Fascia Verde” di Ciampino i seguenti quartieri:

Centro storico (Piazza della Pace): tutto;

Zona Folgarella: parte adiacente il centro storico delimitata da via Pertini e viale Kennedy (entrambe restano percorribili);

Zona Mura dei Francesi e 167: tutta fino a via dei Laghi (che resta percorribile);

Zona Marcandreola: tutta fino a via dell’Acqua Acetosa (che resta percorribile).

Per scoprire i veicoli che non sono interessati dalla suddetta limitazione alla circolazione, leggi l’ordinanza in allegato.

 

Verifica qui la classe ambientale del tuo veicolo

Con la stessa ordinanza, inoltre, è stata disposta la riduzione delle temperature negli immobili ad uso abitazione, ufficio, vendita, artigianali, industriali e assimilabili sull’intero territorio comunale da Lunedì 26 Dicembre 2016 a Martedì 10 Gennaio 2017, non superando i valori massimi di temperatura come indicato di seguito:

  • 18° C negli edifici classificati, in base all’art. 3 del D.P.R. 412/1993 nelle categorie E.1, E.2, E.4, E.5 ed E.6;
  • 17° C negli edifici classificati, in base all’art. 3 del D.P.R. 412/1993 nella categoria E.8–industriali, artigianali e assimilabili;

Si chiede dunque alla cittadinanza, in particolare agli amministratori di condominio, di attenersi alle indicazioni riportate nell’ordinanza in allegato.

Tale disposizioni, rese necessarie per l’aumento delle polveri sottili e del Pm 10, provocato principalmente dal traffico veicolare e dagli impianti termici, è finalizzato al contenimento dell’inquinamento atmosferico in modo da consentire di raggiungere migliori livelli di qualità dell’aria.

Al fine di facilitare l’azione di vigilanza è fatto obbligo di esporre i documenti (contrassegno, certificazione, attestazione, ecc.) comprovanti la deroga sopra descritta), in maniera ben visibile nella parte interna del parabrezza anteriore del veicolo;

All’esecuzione della presente ordinanza sono tenuti il Comando di Polizia Locale e per quanto di competenza tutte le Forze di Polizia stradale di cui all’art. 12 del codice della strada.

Ai sensi dell’art. 3, 4° Comma della legge 7.8.90 n° 241 con s.m.e i. avverte che contro la presente ordinanza è ammesso ricorso al T.A.R. nel termine di 60 giorni dalla notifica, oppure, in via alternativa, ricorso al Presidente della Repubblica nel termine di 120 giorni dalla notifica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*