Velletri: denunciato ventenne che si aggirava in atteggiamenti sospetti attorno al carcere. KO le telecamere del carcere

Nel pomeriggio di martedì scorso, un ragazzo di circa 20 anni, poi risultato con precedenti penali, veniva fermato, identificato e denunciato dalla Polizia Penitenziaria per il comportamento sospetto tenuto vicino alle mura del carcere di Velletri.

Maurizio Somma, segretario nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, ricostruisce quel che è accaduto:

Verso le 16 un poliziotto penitenziario libero dal servizio ha visto il ragazzo scavalcare in uscita dalla recinzione che porta sotto il muro di cinta del carcere, lungo la Strada provinciale Cisterna Campoleone. Ad aspettarlo una persona a bordo di una macchina, che si è dato alla fuga dopo aver visto accorrere il poliziotto. Dalle telecamere non si è potuto vedere cosa ha fatto perché, nonostante l’impianto nuovo, le telecamere della zona d’interesse non funzionavano, ma è facile presumere che possa aver tentato di lanciare qualcosa dentro il perimetro interno del penitenziario. Il ragazzo è stato fermato, identificato e denunciato.

Anche Donato Capece, segretario generale del SAPPE, esprime apprezzamento all’Agente del Reparto di Polizia Penitenziaria del carcere di Velletri che ha scorto il ragazzo in atteggiamenti sospetti:

Spero e mi auguro che il bravissimo ed attento collega venga segnalato per una ricompensa ministeriale ma è sotto gli occhi di tutti il fatto che il sistema delle carceri non regge più, è farraginoso. Sono state tolte, ovunque, le sentinelle della Polizia Penitenziaria sulle mura di cinta delle carceri, le telecamere ed i sistemi anti intrusione ed anti evasione spesso non funzionano, le aggressioni contro i poliziotti penitenziari – che non hanno alcuno strumento di difesa – sono all’ordine del giorno e questo è gravissimo. I vertici del Ministero della Giustizia devono assumere urgenti e concreti provvedimenti per fronteggiare questa grave emergenza.

Ufficio Stampa SAPPE Polizia Penitenziaria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*