Velletri, Non si ferma la spirale di violenza nel carcere: Agente aggredito, il Sappe protesta

Ieri mattina si è verificata una aggressione ad un poliziotto penitenziario in servizio nel carcere di Velletri.

Una situazione allucinante, tanto più grave se si considera che questa è l’ennesima aggressione che avviene in un carcere del Lazio”, commenta Maurizio Somma, segretario nazionale per il Lazio Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il primo e più rappresentativo della Categoria. “E’ accaduto che in mattinata il collega è stati aggredito da detenuto in prossimità dei locali del S.E.R.D. Il detenuto si rifiutava di essere controllato e successivamente si rifiutava di rientrare nella Sezione detentiva. Durante la fase di convincimento da parte del personale, il ristretto sferrava un violento pugno sul volto del poliziotto, poi ricorso alle cure del Pronto soccorso del nuovo ospedale dei Castelli. E’ assurdo che la Polizia penitenziaria sia il terminale delle crescenti tensioni e violenze di alcuni detenuti. E’ giunta veramente l’ora di dire basta alle aggressioni contro la polizia penitenziaria!carcere velletri sappe penitenziaria

Donato CAPECE, segretario generale del SAPPE, sollecita Ministro e Capo DAP a intervenire:

Questa di Velletri è l’ennesima grave e intollerabile aggressione da parte di un detenuto ai danni di un uomo appartenente alla Polizia penitenziaria. A lui va la nostra vicinanza e solidarietà nonché un ringraziamento particolare per l’intervento che nonostante le conseguenze riportare ed incuranti di qualsiasi pericolo ha permesso di bloccare il detenuto violento. La situazione nelle nostre carceri resta allarmante e la realtà è che i nostri poliziotti continuano ad essere aggrediti senza alcun motivo o ragione. Ma è evidente a tutti che è necessario intervenire con urgenza per fronteggiare le costanti criticità penitenziari, a cominciare dal ripianamento delle carenze organiche dei Reparti di Polizia Penitenziaria del Lazio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*