Frascati, Nella Sala degli Specchi il convegno Adattarsi al Futuro

Aumentano gli impatti del cambiamento climatico, del deterioramento ecologico e della tensione sociale: I dati sempre più incontrovertibili che ci forniscono la scienza, l’economia e l’analisi politica, ci descrivono un mondo sempre più incerto e complesso, dove gli impatti destabilizzanti di un cambiamento climatico incontrollato, di una grave crisi ecologica, e di un deterioramento dell’economia e delle relazioni sociali minacciano la sicurezza e il futuro delle comunità.
Come costruire una comunità più sicura e resiliente in un futuro sempre più incerto? Enormi cambiamenti aspettano noi e i nostri figli nei decenni a venire in uno scenario di abbandono forzato dei combustibili fossili, tensioni sociali, potenziali conflitti geopolitici, e emergenza climatica e ambientale.
veduta di Frascati
Durante i mesi di Aprile e Maggio numerose manifestazioni hanno portato all’attenzione internazionale il tema dell’emergenza climatica: la nota attivista svedese Greta Thunberg ha parlato al parlamento Europeo, al Senato italiano e all’assemblea dei delegati del Regno Unito e una lunga settimana di manifestazioni a Londra, organizzata dal gruppo “Extinction Rebellion” (letteralmente “Ribellione contro l’estinzione”) è culminata con 1000 arresti e la “dichiarazione di emergenza climatica” da parte del Regno Unito.
Simili movimenti si moltiplicano in tutto il mondo e cresce la preoccupazione per un cambiamento climatico che sta evidentemente accelerando e sta portando gravi effetti: lo scioglimento precoce rispetto alle aspettative dell’Artico destabilizza il clima in Europa e Stati Uniti e pone rilevanti problemi al sistema agricolo (siccità e irregolarità nel meteo), e di riflesso crea potenziali problemi di sicurezza alimentare e idrica.
Di fronte a questo scenario le istituzioni tradizionali faticano a attivarsi e riteniamo dunque che sia onere della comunità l’auto organizzarsi per studiare le possibilità e attivare strategie cooperative di adattamento e resilienza.
● Come può la nostra comunità riorganizzarsi, implementare nuove soluzioni cooperative e partecipare a una conversazione internazionale a proposito dei temi centrali del nostro futuro?
● Come sviluppare una agenda di “adattamento profondo” ai cambiamenti per la comunità di Frascati in cooperazione con quelle dei castelli romani e dell’area metropolitana di Roma partendo dall’area del nostro bacino idrico?
In questo primo incontro cercheremo di porre le basi per una discussione continua e proficua riguardo i mesi, e gli anni, di lavoro che ci aspettano se vogliamo ricostruire nuove soluzioni nel campo della sicurezza alimentare, energetica, idrica e sociale in un mondo in continua turbolenza.
Durante l’incontro verranno presentate anche iniziative di sviluppo territoriale cooperativo e di formazione e ricerca in piano per il 2019.
Fonte: Ufficio stampa del Comune di Frascati 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*