Frascati: l’amministrazione in merito al fallimento della STS S.r.l. in liquidazione

L’Amministrazione Comunale rende noto che, con sentenza pubblicata in data odierna, il Tribunale di Velletri ha dichiarato il fallimento della STS S.r.l., già da tempo in liquidazione.

La decisione è stata assunta a seguito di un’istanza depositata da un creditore societario, a cui l’Organo della Liquidazione non è stato in grado di fare fronte per la mancanza di fondi, visto il parere negativo dell’Avvocatura, acquisito agli atti, in merito alla possibilità per il Comune di procedere con ulteriori pagamenti, dati i consistenti crediti che il Comune stesso già vanta verso la STS S.r.l.

fallimento della STS S.r.l.Tale parere è stato reso anche a seguito dei dubbi manifestati dagli Uffici competenti in merito alla legittimità di procedere con nuovi pagamenti, in passato eseguiti dal Responsabile del Settore II.

A questo si deve aggiungere la considerazione che l’importo dei crediti certi, liquidi ed esigibili, che la STS S.r.l vanterebbe verso l’Amministrazione non basterebbero comunque a fare fronte ai debiti ancora gravanti sulla società verso l’erario e i fornitori. Pertanto sarebbe stato vano e inutile ogni esborso da parte del Comune di Frascati alla STS in liquidazione.

Infine, anche a voler prescindere da tali considerazioni, che alimentano dubbi sull’impostazione originaria del piano di liquidazione e sulla sua attuazione, riferibile quasi integralmente ad epoca antecedente l’insediamento della attuale Amministrazione, per il Comune sarebbe stato comunque impossibile stanziare ulteriori risorse che, sempre secondo il parere acquisito agli atti dell’Avvocatura comunale, avrebbero costituito un accollo di debito vietato per legge.

Non avendo la società alcun dipendente non ci saranno conseguenze di natura occupazionale; né ci saranno ripercussioni economiche sul Bilancio Comunale, risultando già accantonate le risorse necessarie a far fronte ad eventuali pagamenti.

Ufficio stampa del comune di Frascati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*