Marino, Cambiamo, Palozzi sul divieto di sosta lungo la strada statale 140

Sto seguendo con molta attenzione quanto sta avvenendo a Due Santi, piccola frazione del Comune di Marino, dove ad agosto lungo la strada statale 140 è stato inserito un divieto di parcheggio e zona rimozione.

Una realtà, quella voluta dalla Città Metropolitana di Roma Capitale, che ha mandato su tutte le furie i residenti – da diversi anni abituati a posteggiare su quella porzione di asfalto – che hanno scritto lettere di protesta al Comune di Marino e a Palazzo Valentini, senza ricevere soluzioni alcuna. La cosa grave è che quel divieto è stato affisso senza alcun preavviso e senza la comunicazione di soluzioni alternative, studiate nell’immediato e nel medio termine.lungo la strada statale 140

Due Santi, e in particolare gli abitanti della Strada Statale 140, subiscono da anni il pericolo dell’alta velocità delle auto in salita e in discesa, con gravi rischi per l’attraversamento pedonale e le manovre di ingresso e uscita dai box: disagi e mancata sicurezza che i cittadini denunciano da tempo, ricevendo in cambio solo indifferenza istituzionale: prima dall’ex provincia di Zingaretti e adesso dalla Città Metropolitana della Raggi.

E oggi tocca agli inefficienti sindaco Colizza e assessore Tammaro snobbare i residenti di Due Santi che chiedono semplicemente la possibilità di parcheggiare su quell’area demaniale in attesa di soluzioni alternative e definitive, con la garanzia dell’avvio dei lavori di messa in sicurezza e la creazione di marciapiedi, parcheggi, e autovelox. Richieste assolutamente legittime e sacrosante, verso le quali però l’amministrazione grillina di Marino sta facendo orecchie da mercante. Un comportamento istituzionale davvero vergognoso. Sollecitiamo Palazzo Colonna ad intervenire e stimolare una interlocuzione con la Città Metropolitana.

Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio di “Cambiamo!” ed ex sindaco di Marino, Adriano Palozzi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*