Albalonga, Grosseto fermato da Succi

L’Albalonga è dura a morire. La formazione di mister Mauro Venturi ha impattato 1-1 in casa col Grosseto, attuale capolista del girone E di serie D. All’altezza della mezzora del primo tempo è arrivato il botta e risposta: dopo il vantaggio toscano di Moscati, è stato Jacopo Succi con un preciso diagonale a pareggiare i conti e a determinare (di fatto) il risultato finale.

Un pareggio sostanzialmente giusto – dice l’autore del gol castellano – Abbiamo preparato molto bene questa partita durante la settimana, sapevamo che avremmo affrontato una squadra molto forte, ad oggi la migliore del girone. Siamo stati bravi a limitare le giocate tra le linee del Grosseto che si è schierato con un rombo a centrocampo.

Abbiamo fatto un po’ di fatica nelle “uscite” perché i toscani ci hanno messo in difficoltà con una buona pressione, ma siamo stati bravi a reagire nel momento dello svantaggio. Siamo ancora imbattuti e questo è sicuramente un dato importante: la squadra mette in campo ciò che le trasmette il suo allenatore, provando a dare sempre ritmo alle partite.

Per Succi è arrivato un gol pesante, il primo stagionale del centrocampista classe 1994.

Fa molto piacere, anche perché è una rete che è valso un buon pareggio per l’Albalonga.

In questa stagione il centrocampista sembra essersi (finalmente) guadagnato una maglia da titolare.

Il mio impegno e l’abnegazione sono sempre le stesse. Questo è il mio quarto anno qui, mi trovo bene in questa società ed è un orgoglio per me indossare la maglia dell’Albalonga

dice Succi che poi parla delle prospettive del club del presidente Bruno Camerini in questa nuova annata di serie D.

Credo che non dobbiamo porci degli obiettivi o fissare dei limiti – sottolinea il centrocampista – Vogliamo provare a stupire e cerchiamo di scendere in campo per dare il massimo in ogni partita.succi esulta dopo gol

Nel prossimo turno l’Albalonga sarà di scena sul campo dell’Aquila Montevarchi (6 punti contro i 9 dei castellani) per un altro match estremamente insidioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*