Il business con le nuove generazioni di distributori automatici

Velletri: La Festa delle Camelie

Negli ultimi anni, soprattutto in risposta della crisi economica che continua ad attanagliarci, sempre più persone sono corse ai ripari ingegnandosi e trovando nuovi metodi per fare affari, magari inventando dal nulla mestieri completamente nuovi, ma incredibilmente di successo. .

È il caso di chi ha scoperto il business della nuova generazione di distributori automatici, con i quali adesso è possibile aprire dei veri e propri locali attrezzati e adibiti alla vendita “fai da te”. È possibile fare affari con i distributori automatici? E, se sì, quali sono le regole da seguire? Adesso cercheremo di dare una risposta a queste domande.

La nuova generazione di distributori automatici

distributori automaticiUn’attività economica basata su distributori di questo tipo è davvero un’idea interessante per riuscire a dar vita a un progetto di successo e in linea con il mercato di oggi. Ma di cosa si tratta in concreto? Molto semplice: abbiamo a che fare con dei mini-negozi aperti h24 e sette giorni su sette che sfruttano gli automatismi dei classici distributori per offrire un servizio sempre a disposizione dei potenziali clienti.

Occupando uno spazio minimo, e riducendo al minimo il bisogno di personale sempre presente, si può aprire una sorta di mini-market in grado di vendere qualsiasi cosa, compresi alcolici (ma solo nel caso di distributori dotati di lettore di tessere magnetiche) e sigarette (seguendo una normativa più specifica).

Il successo è assicurato? Dipende ovviamente dall’intraprendenza e dalle mosse del gestore, che non può limitarsi ad aprire il proprio venditore automatico e poi restarsene ad aspettare che i guadagni arrivino da soli. Certo, i dati degli ultimi anni parlano di un successo senza precedenti, ma l’impegno è necessario anche in questo campo.

La Normativa

È inoltre importantissimo seguire per bene la normativa vigente sui locali per distributori automatici. In base al Decreto Legislativo n. 114 del 31 marzo 1998, la vendita di prodotti tramite distributori rientra nelle forme speciali di vendita al dettaglio.

È buona cosa informarsi bene su tutti i regolamenti in vigore, soprattutto per quanto riguarda la vendita automatizzata di tabacchi e alcol, consentita ma solo dietro particolare richiesta e con le dovute licenze. Per tutto il resto invece, basti sapere che, in caso di sola vendita, varrà per i soggetti richiedenti la disciplina generale per il commercio al dettaglio; per i locali attrezzati al consumo esclusivo degli alimenti presenti nel distributore, l’attività è invece considerata “di somministrazione” ed è quindi soggetta alla relativa disciplina come un bar o un pub.

In ogni caso, niente di troppo complicato. Se volete entrare nel business dei distributori automatici, basterà richiedere un franchising, aprendo con questo sistema il proprio store. I benefici di questa formula applicata allo specifico settore sono notevoli, anche perché le limitazioni rispetto ad altri tipi di franchising sono minori.

Molto spesso non vengono richieste commissioni sulle vendite, e si è totalmente liberi di compiere scelte autonome. Insomma, guadagni rapidi, tanta libertà e la possibilità di espandersi senza troppi vincoli. Guardatevi attorno e cercate la soluzione che più fa per voi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*