Studenti a scuola di risparmio energico: al via il progetto promosso dall’assessorato all’ambiente

Martedì 7 febbraio, l’Associazione Nazionale No Profit “Tutela Energie Rinnovabili” ha tenuto una conferenza sul tema del risparmio energetico ed energia pulita da fonti rinnovabili presso l’Istituto Comprensivo Albano Laziale di via Enea.

 

ciclo conferenze albano lazialeL’iniziativa, a cura dell’Assessorato all’Ambiente e alle Politiche Energetiche e dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione, si ripeterà il 14 febbraio presso l’Istituto Comprensivo di Cecchina, il 20 febbraio presso l’Istituto Comprensivo di Pavona e il 21 febbraio presso la scuola primaria di via Pantanelle (località Cancelliera). Le conferenze anticipano la Festa Nazionale del Risparmio Energetico – “Mi illumino di meno”, alla quale il Comune di Albano Laziale ha aderito, in programma venerdì 24 febbraio. L’Assessore alla Pubblica Istruzione, Alessandra Zeppieri, ha commentato: «Abbiamo cercato di far conoscere agli studenti le energie rinnovabili e naturali. Partire dalle scuole è la strategia che adottiamo su diverse tematiche perché soltanto attraverso l’educazione è possibile cambiare abitudini e stili di vita. Le consapevolezze raggiunte oggi da noi adulti vanno trasmesse ai giovani che sono, tra l’altro, un importante veicolo informativo all’interno delle famiglie». Alle parole di Alessandra Zeppieri hanno fatto seguito quelle dell’Assessore all’Ambiente e alle Politiche Energetiche, Aldo Oroccini: «Una serie di conferenze per promuovere uno stile di vita di qualità, contraddistinto da gesti di condivisione contro lo spreco di risorse. Sarà proprio la condivisione il tema principale dell’edizione 2017 di “Mi Illumino di Meno”, iniziativa nazionale, in programma per il prossimo 24 febbraio, alla quale abbiamo aderito e per la quale abbiamo preparato un programma di iniziative che divulgheremo a brevissimo. Mettere a disposizione le proprie risorse non è solo un gesto concreto contro lo spreco, è anche un modo per attivare il motore della socialità».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*