Elezioni a Grottaferrata: CasaPound scende in campo con Paolo Campanile candidato sindaco

CasaPound scenderà in campo alle prossime elezioni amministrative nel comune di Grottaferrata con il proprio candidato sindaco, Paolo Campanile, libero professionista amante dei luoghi e della cultura di Grottaferrata e vicino agli ambienti sportivi criptensi.

 

Casapound grottaferrata elezioni sindaco campanile“Anche quest’anno – dichiara Yuri Spalletta, referente di CasaPound a Grottaferrata – abbiamo deciso di presentare la nostra candidatura alle elezioni. Già nel 2010 ci eravamo candidati proponendo alla carica di sindaco Fabrizio Croce, ed ottenendo un buon riscontro da parte dei Grottaferratesi. Le attività che abbiamo portato avanti,da allora, sia a Grottaferrata che nei paesi limitrofi, sono tantissime. Nella fattispecie nel nostro comune, negli ultimi anni, abbiamo una sede costantemente aperta al pubblico tre volte a settimana; abbiamo organizzato conferenze di alto spessore culturale; abbiamo parlato di ambiente portando alla cronaca la situazione di degrado in cui versa l’area verde della Molara; aiutiamo tantissime famiglie italiane in difficoltà con una raccolta alimentare che si basa sul solo supporto dei cittadini; siamo stati parte attiva nell’organizzazione del corteo per il ricordo dei martiri delle foibe nel 2016; per l’emergenza terremoto lo scorso agosto ci siamo attivati fin da subito e nel giro di pochi giorni abbiamo fatto partire due furgoni di aiuti raccolti presso la nostra sede, mentre la politica ufficiale era intenta a raccogliere soldi mai arrivati a destinazione con gli sms; ci siamo espressi contro il progetto Sprar, e tutto questo non solo in periodo di campagna elettorale.”

 

“Annunciamo oggi il nostro candidato sindaco – continua Spalletta – quando, dopo la fine del carnevale tradizionale, iniziano a placarsi anche le carnevalate politiche che vedono avvicendarsi nel nostro comune tante vecchie conoscenze e pochi volti nuovi districarsi tra i mille giochi di partito che non ci hanno mai interessato. La nostra è una candidatura fortemente identitaria per tutti gli italiani che vogliono esprimere un segnale forte nel vuoto totale della politica criptense. Grottaferrata ha bisogno di amministratori competenti e decisi, che non scendano a compromessi con i teatrini della politica tradizionale e che seguano un programma concreto: per questo abbiamo scelto Paolo Campanile, nostro amico e tesserato che ha intrapreso un percorso con noi ormai da tempo, e il cui profilo umano e politico corrisponde alla nostra idea di sindaco ideale per Grottaferrata”.

 

“Ho scelto di accettare la candidatura a sindaco offertami da CasaPound Italia – dichiara Paolo Campanile, candidato sindaco per Cpi – perché, a differenza di tutti gli altri movimenti, sono un gruppo organizzato di volontari che amano la propria nazione e si impegnano in prima persona quotidianamente per il bene dei propri connazionali. ll nostro progetto per Grottaferrata è quello di far rinascere il territorio in primo luogo attraverso la riscoperta delle sue radici culturali e storiche. Questo è il primo passo per far tornare i Grottaferratesi ad amare il proprio territorio, a prendersi cura dei suoi spazi ormai abbandonati, a far tornare tanto i residenti quanto i turisti per le nostre strade così da rilanciare l’economia locale da sempre basata sull’ammirazione degli avventori per le nostre bellezze non mai adeguatamente valorizzate, quali l’abbazia di San Nilo, le catacombe Ad Decimum, il Tuscolo, le ville tuscolane, il verde lussureggiante dei parchi. Rilanciare tutto questo è possibile e permetterà ai ristoratori e ai commercianti di poter continuare a investire sul nostro territorio, sempre più considerato ormai, a causa del degrado imperante, come un quartiere dormitorio di Roma. Non permetteremo al degrado di far morire definitivamente il nostro comune. Per far conoscere più da vicino le nostre idee per Grottaferrata, a breve pubblicheremo online il nostro programma e avremo modo di discuterne ampiamente nel corso degli eventi in programma nel nostro calendario”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*