A Grottaferrata un’azione di CasaPound nel Parco della Rimembranza

“Basta degrado, valorizzate il Parco della Rimembranza”: questo il testo dello striscione recentemente esposto da CasaPound Italia al parco della Rimembranza nella zona di Squarciarelli. I militanti hanno inoltre deposto un mazzo di rose e un tricolore presso il monumento ai caduti della prima guerra mondiale situato all’interno del parco.

casapound castelli romani grottaferrata“È vergognoso – dichiara Cpi in una nota – che uno spazio di interesse storico come il Parco della Rimembranza non riceva le cure che merita. Il monumento ai caduti è infatti lasciato a se stesso al punto da sembrare una comunissima colonna: la scritta incisa nel marmo, in cui vengono reinterpretati dei versi di Leopardi, è quasi totalmente illeggibile, così come le epigrafi e il basamento. Anche la teca è stata rotta per un atto di vandalismo. I cancelli principali del parco sono chiusi addirittura la domenica mattina, non sono ben chiari orari di apertura né chi debba prendersi cura del luogo. Gli unici ingressi al parco sono due pericolosi varchi nelle recinzioni posteriori. Nonostante le condizioni non siano ancora disastrose, l’incuria rischia di peggiorare la situazione: già oggi abbiamo potuto vedere immondizia, panchine rotte, pericolose pozze d’acqua dovute a una perdita della fontanella; i giochi per bambini sono rotti e pericolosi. Il parco stesso inoltre è poco visibile: non essendo posizionato in una zona di passeggio, sarebbe importante renderlo più visibile in modo da creare un sito di interesse turistico anche per chi ci passa di fronte in macchina.”

“Già nel 2015 – continua la nota – siamo intervenuti nel parco per restituire decoro al monumento dedicato agli eroi della Guerra. Il parco viene citato, dopo la nostra iniziativa di valorizzazione dei monumenti di guerra su tutto il territorio nazionale, nel nostro libro edito in occasione del centenario della vittoria. Oltre alla nostra, sono state poche e sporadiche le iniziative al riguardo. Il rischio è che, con il passare degli anni, si perda la memoria di quegli eventi a cui il parco è dedicato. A distanza di cento anni è ancora nostro dovere ricordare ed onorare l’eroismo dei nostri soldati”

“Il parco – conclude la nota – deve tornare ad essere uno spazio di aggregazione per i grottaferratesi, come era un tempo, anche in virtù della sua posizione in zona Squarciarelli che è densamente popolata. Tutte le aree verdi della nostra città devono essere messe in sicurezza, valorizzate e rese fruibili per i visitatori: tutto questo è importante per rilanciare la vita della comunità grottaferratese anche attraverso la condivisione degli spazi pubblici. Abbiamo la fortuna di vivere in un territorio ricco di storia e natura: è ora di conoscerli, valorizzarli e viverli”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*