I Carabinieri arrestano giovanissimi pusher a Frascati

Velletri: La Festa delle Camelie

Avevano messo in atto un giro di spaccio all’interno di una sala giochi seguendo minuziosi movimenti degni di spacciatori esperti: individuare giovanissimi acquirenti, prelevare la droga occultata dietro le colonne dei lavabi nei bagni e cederla senza destare alcun sospetto, tra una partita ai videogiochi o a biliardo.

Arma dei Carabinieri frascati pusherMa, ieri sera, i Carabinieri della Stazione di Frascati hanno fermato due pusher, lui 18enne e lei 14enne, entrambi studenti. Grazie ad un’accurata attività di controllo, i Carabinieri hanno scoperto l’attività illecita dei due pusher e li hanno bloccati in flagranza mentre cedevano alcune dosi di hashish ad un coetaneo, identificato e segnalato alla Prefettura quale assuntore.

L’ispezione della sala giochi ha dato esito positivo quando i militari hanno rinvenuto un panetto e decine di dosi di hashish, occultati all’interno di calzini posti dietro la colonna dei lavandini, all’interno dei bagni del locale.

Successivamente, i Carabinieri della Stazione di Frascati hanno perquisito le case dei due fermati, a Rocca di Papa e Frascati, trovando un panetto di hashish del peso di 100 grammi e diverse centinaia di euro, ritenuti provento dello spaccio, nascosti sotto il materasso nella camera del 18enne.

Il ragazzo è stato arrestato e sottoposto al regime degli arresti domiciliari, mentre la ragazza minorenne è stata denunciata a piede libero e riaffidata ai genitori. Entrambi restano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria e dovranno rispondere di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nell’ambito dei medesimi controlli antidroga, gli stessi Carabinieri di Frascati, all’interno del parco dell’Ombrellino, hanno arrestato per spaccio uno studente di 17 anni, incensurato, sorpreso mentre cedeva una dose si hashish ad un coetaneo. Il minore, perquisito dai militari è stato trovato in possesso di ulteriori 16 dosi della stessa sostanza stupefacente in tasca e altre 31 a casa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*