Armi di distruzione di massa, un veliterno al prossimo convegno sulle emergenze CBRNe

Il 25 novembre esperti di tutto il mondo si incontreranno a Monte Porzio Catone, presso villa Mondragone, sede di rappresentanza dell’Università Tor Vergata, per parlare di CBRNe, acronimo di (emergenze) Chimiche, biologiche, radioattive, nucleari ed esplosive, in occasione del 3° Workshop internazionale.

 

CBRNe Francesco Rosiello VelletriInsomma, metodi illegittimi di guerra, regolatI da apposite convenzioni internazionali e condannate dal diritto internazionale umanitario. E allora perché parlarne? Innanzitutto perché questo tipo di emergenze non proviene solo dal mondo militare, ma anche e soprattutto dal mondo industriale civile (come non citare lo sversamento in Florida di 217 milioni di metri cubi di acqua radioattiva, il recente incidente presso lo stabilimento ibsf tedesco e il sempiterno incidente “nostrano” di Seveso?) e, ultimamente, da rischi di potenziali attacchi “non convenzionali” ad opera di terroristi.

 

A vila Mondragone ci saranno anche due castellani: un veliterno, Francesco Rosiello, laureando in medicina presso l’Università Sapienza di Roma e Sergente (in congedo) del Corpo Militare CRI, già esperto in Diritto Internazionale Umanitario e Diritto Internazionale delle Catastrofi, ed il marinense Luca Zelinotti, volontario CRI e anche lui noto nel settore: entrambi coinvolti nella “poster session” con un lavoro sull’eventuale adeguatezza di Roma ad un attacco di questo genere.

 

Francesco Rosiello
Francesco Rosiello

L’articolo vede il veliterno Rosiello quale prima firma e, tra gli autori, il Prof. Claudio Modini, direttore del DEA (ex dipartimento di Pronto Soccorso) del Policlinico Umberto I di Roma. In attesa di conoscere i risultati del convegno, un grande “in bocca al lupo” per il successo del lavoro ai due castellani!

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*