Velletri – Ugl Polizia Penitenziaria si rivolge agli organi competenti in merito alla gestione dei detenuti malati psichiatrici

Il Sindacato Ugl Polizia Penitenziaria scrive alle Autorità di competenza sulla gestione dei detenuti malati Psichiatrici.

carcere poliziotto detenutoCome sindacato non possiamo accettare che gli Agenti di Polizia Penitenziaria gestiscano i detenuti malati Psichiatrici – Commenta il sindacalista Carmine Olanda – Negli ultimi tempi  il penitenziario di Velletri sembra essere un Ospedale Psichiatrico, come lo dimostra un recente caso in condizioni di estrema vulnerabilità psichica: qualche mese fa un detenuto è stato sottoposto al trattamento Sanitario obbligatorio a causa del suo comportamento turbolento per aggressività verbale e fisica e quindi condotto  presso una struttura esterna al carcere; nonostante il predetto intervento, continua a tutt’oggi oggi a non controllarsi e manifestare tali atteggiamenti aggressivi nei confronti di tutti gli operatori.

Nel Penitenziario – continua Olanda – esiste un Reparto organizzato all’uopo per accogliere e curare i detenuti con questa patologia, ma non si capisce perché rimanga chiuso. La ASL RM6 di Albano Laziale , quale responsabile del servizio sanitario del carcere , tuttora sembra essere sorda sul problema ripetutamente esposto.

Come sindacato – conclude il sindacalista – non possiamo accettare che i problemi e la disorganizzazione della ASL RM6 ricadano sugli Agenti Penitenziari. La ASL RM6 di Abano farebbe bene a prendersi le sue responsabilità assumendo personale e regolarizzando i contratti di lavoro a tutto il personale sanitario non dipendente, così da avviare il servizio psichiatrico nel penitenziario e scongiurare gli eventi critici dei malati Psichiatrici da loro gestiti – allo stato – più virtualmente che praticamente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*