Festa delle Camelie, il resoconto della conferenza stampa

Velletri sarà in festa con le sue Camelie nei giorni di sabato 1 e domenica 2 aprile. Da ricordare: è dal 1995 che Velletri rende omaggio a questo fiore. Chi ebbe la felice intuizione di organizzare la festa fu l’allora Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo presieduta da Giuseppe Masella, con Piero Caneti ed Ettore Rolando. Poi, negli anni a seguire, si è sempre lavorato per cercare di far apprezzare la manifestazione oltre i confini locali. La presentazione dell’evento è avvenuta nella mattinata di lunedì 20, presso la Sala degli Affreschi della Casa della Cultura, a cura del sindaco Fausto Servadio, il vicesindaco Marcello Pontecorvi e l’assessore Orlando Pocci. Nel ruolo di moderatore: il giornalista Fabio Ciarla, intervenuto per conto della Editrice Sera che cura l’aspetto della comunicazione della manifestazione. «Con questa festa – ha detto il sindaco Servadio – non è solo la camelia che vogliamo far conoscere ed apprezzare ma vogliamo promuovere i nostri prodotti tutti ed il nostro territorio, ricco di storia e tradizioni».

festa camelie velletri
Il tavolo dei relatori

L’assessore Pocci ha aggiunto: «Abbiamo organizzato questa festa per non perdere la tradizione di un evento conosciuto a livello nazionale ed internazionale. Le tante varietà di camelie presenti sul nostro territorio sono da far conoscere e apprezzare». Ad illustrare il programma ci ha pensato, successivamente, il vicesindaco Pontecorvi, impegnato in prima persona nell’organizzazione. Ha ringraziato gli sponsor e i cittadini tutti, appartenenti ad associazioni e non, che hanno dato disponibilità a collaborare per il piacere di veder rivivere la festa. Quest’edizione è tutta incentrata con numerose iniziative in pieno centro urbano, tra piazza Cairoli, piazza Garibaldi, piazza Mazzini, piazza Caduti sul lavoro, lungo corso della Repubblica, al teatro Artemisio, alla Casa delle Culture.

Previsti incontri culturali, degustazioni di prodotti tipici, mostre d’arte, spettacoli di danza, esibizioni sportive, esposizioni di piante di camelie a cura di produttori veliterni e di piante ornamentali. Piante di camelie potranno essere ammirate nel percorso interessato dalla festa. Spazi espositivi e degustativi alla Galleria Ginnetti. Sarà organizzato un angolo dedicato alle eccellenze del territorio, non solo enogastronomiche, ma anche culturali e storiche. Un punto d’incontro per tutti i cittadini e per quei visitatori che vorranno conoscere la nostra storia e cultura, anche culinaria. L’angolo sarà arricchito da mostre di pittura, animazione e laboratori interattivi per i bambini. Piazza Caduti sul lavoro, nella giornata di domenica, ospiterà anche una mostra-mercato di antiquariato, artigianato e modernariato. Il Circuito Museale Cittadino e il Museo diocesano offriranno l’ingresso con biglietto a prezzo ridotto (orari: 9-13 e 15-19).

Sarà possibile visitare anche la “Casa della Musica e delle Culture” e l’Area Archeologica delle “Stimmate, la cattedrale di San Clemente con la sua cripta. I ristoratori veliterni offriranno menù a prezzi convenzionati. Villa Bernabei sarà aperta con la mostra delle opere grafiche del concorso “Velletri, Città della Camelia” a cui hanno partecipato gli studenti degli Istituti comprensivi. L’inaugurazione della Festa delle Camelie è fissata, per le 11,30 di sabato primo aprile, in piazza Cairoli.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*