Grottaferrata, il candidato sindaco Moira Masi: “Da troppo tempo leggo commenti di ogni genere sulla mia persona”

Continuo a leggere ormai da troppo tempo commenti di ogni genere nei confronti della passata Giunta e nei miei confronti. Personalmente non ho nulla da farmi perdonare. Ho mantenuto fino all’ultimo gli impegni presi con gli elettori.

moira masi grottaferrata
Moira Masi

Lo dimostra il fatto che sono stata sempre in prima linea fino all’ultimo, vedi i festeggiamenti del Santo Patrono, la festa dello sport, progettazione dell’urbanizzazione isola amministrativa, apertura “matrimoni fuori dal comune”, regolamento centro anziani, progetto “occupazione donna”, linee peg per rifacimento piazza vittime del Fascimo, linee guida per cluasola sociale nei bandi sempre e comunque, rapporti continui con Città Metropolitana per il decoro di castel de Paolis muro di via sant’anna e potature, linee per la definizione delle perimetrazioni (dove ancora oggi nessuno a preso in considerazione), eventi di sensibilizzazione al bullismo nelle scuole e sulla violenza alle donne, costituzione regolamento su gli ispettori ambientali, presente al 100 per cento di tutte le commissioni consiliari (anche delegata spesso da chi ora si sente di giudicare non essendo mai presente) e dei Consigli Comunali .

Chi oggi grida al tradimento per le mie dimissioni vorrei ricordargli le sue (con strascichi al vetriolo) e quella dei suoi sodali e congiunti. Questi si traditi, soprattutto dall’unico responsabile del disastro politico, e beffati. Senza inutili e ingiuriosi commenti ho continuato con spirito di sacrificio a sostenere una Giunta ormai spettro di se stessa. Bandi sbagliati, commissioni d’indagini surreali, rapporti istituzionali compromessi, rapporti con la società civile al minimo storico, un sindaco chiuso nel suo fortino mi hanno convinta a chiudere un’esperienza fallimentare che non poneva in pericolo solo la mia reputazione ma anche e soprattutto il destino del mio paese. TUTTI i consiglieri hanno rimesso il mandato CACCIANDO VIA un sindaco pervicacemente inchiodato alla sua poltrona. Per come la vedo io non c’erano altre strade e quelli che oggi urlano e si candidano sono stati i primi a cadere, traditi, accusando platealmente ora questi ora quello. Oggi rinnovo il mio impegno portando la stessa indentica determinazione e lo stesso identico progetto. Non mi piace offendere e insultare nessuno. Lascio la delazioni a chi non ha altri strumenti o competenze. La mia squadra sta dimostrando di saper operare e di portare avanti un progetto semplice, fattibile e con potenzialità di sviluppo notevoli. Spero sia lo stesso per gli altri candidati, sono convinta che queste elezioni si vinceranno per le idee e le proposte tangibili, e non per le ingiurie e i velenosi sospetti.

Moira Masi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*