F&D H2O Domus Pinsa, vittoria e primato confermati in Campania

Gli avversari del Volturno hanno dato del filo da torcere alle veliterne, che tuttavia hanno saputo rispondere e reagire colpo su colpo portando a casa una vittoria sofferta e arrivata dopo una prestazione non brillantissima.

pallanuoto f&dIl primo tempo è quello più equilibrato e difficile, come testimonia il risultato di parità finale: le campane sono passate in vantaggio portandosi sin sul 3-1, con la doppietta di Pellegrino (in gran spolvero, quattro gol nell’arco dell’intera gara) e Starace, ma le veliterne hanno poi raggiunto il pareggio, inseguendo, con le marcature di Sathitanon, Rosini, Antonacci. Il secondo e il terzo parziale si sono giocati sul filo di lana, con l’F&D H2O che è riuscita a vincere entrambi i tempi di misura: decisive ancora Sathitanon e Clementi nel secondo tempo, con quest’ultima che si renderà protagonista a fine gara, e due volte Clementi ed Ercoli nel terzo.

Per la compagine di S. Maria Capua Vetere a segno sempre Starace e Pellegrino, che hanno tenuto in gara il team di casa nonostante il vantaggio non rassicurante di due punti conquistato dalle ragazze di Di Zazzo. In tutti e tre i tempi vinti, infatti, il Velletri è sì sempre stato in vantaggio, ma di una sola rete, a testimonianza di come il Volturno si sia giocato le proprie carte contro la capolista. L’ultimo tempo, molto combattuto, si è concluso sull’1-0 per la squadra del presidente Perillo grazie ancora a Clementi, che ha insaccato la sua quarta rete personale di giornata e messo il sigillo su una vittoria affatto scontata. A parlare per primo, al termine del match, è stato proprio il massimo dirigente dell’F&D H2O. Francesco Perillo ha così commentato la gara:

Non è stata la nostra migliore prestazione ma alla fine la abbiamo sfangata – esordisce – e forse per come è andata la partita neanche meritavamo la vittoria”. Il numero uno veliterno dà alle avversarie i propri meriti, pur consapevole che la sua squadra è risultata vittoriosa per le qualità tecniche superiori mostrate in vasca:

Senz’altro sono partite meglio loro andando avanti 3-1. I valori in acqua sono risultati differenti e siamo riusciti a far valere la differenza di punti in classifica, il motivo del nostro primo posto si è visto anche con il cinismo. Abbiamo però sofferto troppo, e non siamo mai riusciti a raggiungere il gol della tranquillità. Non saprei dire – conclude il presidente – dove iniziano i nostri meriti, e dove finiscono i loro demeriti, però la partita è stata giocata al loro ritmo e questo le ha favorite soprattutto in apertura. Sono un paio di partite che non giochiamo al meglio, ma ci può stare perché è un momento di stanchezza fisiologica e anche di emozione per i play off. Speriamo di riprenderci presto e tornare a vincere giocando bene”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il tecnico Danilo Di Zazzo: “La partita è stata sotto tono, non abbiamo giocato bene. La partenza lenta ci ha portato a finire sotto di 3-1, poi siamo riusciti a cucire lo strappo e pareggiare. Siamo rimasti a lungo sopra di un gol senza mai riuscire a chiudere la partita, e andati sul +2 abbiamo fatto numerosi errori sia in attacco che in difesa, regalando addirittura un rigore poi parato da Minopoli. L’unica cosa buona di oggi è il risultato, il resto lo dobbiamo dimenticare e occorre ricominciare a lavorare questa settimana. Non avendo gare in programma per le giovanili l’organico è al completo e possiamo preparare le due partite in casa che ci aspettano e si preannunciano molto difficili”.

Rocco Della Corte – Ufficio Stampa F&D

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*