Il City chiude a testa alta

Il Città di Ciampino chiude ad Apricena, contro la Madrepietra Daunia, congedandosi dalla Serie D con una sconfitta ma a testa alta e onorando fino all’ultimo istante il proprio campionato. Per il trentaquattresimo appuntamento stagionale, mister Simone Santoni sceglie la linea verde, affidandosi a tanti giovani, molti dei quali al primo gettone di presenza in prima squadra. In Puglia, fin dall’inizio ci sono subito Angi e Famà in difesa, mentre in panchina figurano ben cinque classe 2000, reduci dall’ottimo campionato con gli Allievi Elite di mister Mirko Di Luigi. Per i padroni di casa, lanciati verso i playout, l’avvio è subito buono. Al 3’ ci pensa Marciano ad aprire le marcature, mentre al quarto d’ora Priorelli sigla già la rete del raddoppio. In un inizio per nulla facile, il City incassa anche il tris, al 25’ (Parisi), prima di carburare e farsi minaccioso. Nel finale della prima frazione, infatti, i ragazzi di Santoni guadagnano campo e fiducia, andando più volte vicino a quel 3-1 che riesce a centrare Damiani, al 34’, siglando il suo terzo gol consecutivo dopo quelli contro Bisceglie e Az Picerno.

Ciampino gol

Si va al riposo con la Madrepietra avanti di due reti, ma nella ripresa il Città di Ciampino non smette di crederci e dare tutto sé stesso. Al 7’, infatti, Trani rimette tutto in discussione, riaprendo ulteriormente il match con il gol del 3-2. La rete aeroportuale fa tremare i pugliesi e mister Potenza corre subito ai ripari, inserendo Bozzi e Valido. Proprio uno dei due neo entrati si fa vedere, al 16’ e al 23’, ma nel mezzo a mettere paura a Gabrieli è Fischetti, con un calcio piazzato che non sorvola di molto la traversa. Il City però continua a giocare, senza paura. Simone Santoni concede spazio a Muzzi, il quale tra il 38’ e il 40’ potrebbe centrare il 3-3, che sfuma in entrambi i tentativi. Nel finale, c’è tempo anche per vedere il debutto di Giordano Cececotto e di Palermi, che collezionano la prima presenza in Serie D. Il risultato non cambia, ma il Città di Ciampino chiude a testa alta e con tanti giovani in campo, ma soprattutto con la consapevolezza di aver fatto il proprio dovere fino alla fine.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*