“Il carcere di Velletri è una polveriera pronta ad esplodere”: ecco il grido d’allarme dell’UGL Polizia Penitenziaria

A lanciare l’ allarme è il sindacalista dell’ Ugl Polizia Penitenziaria Carmine Olanda.

carcere proteste sappeL’ Amministrazione – denuncia Olanda – sta costringendo gli Agenti a lavorare senza riposo e congedi, imponendo turni di servizio anche dopo lo smontante notturno. Il Carcere di Velletri dal mese di Aprile ospita la media di 585 detenuti a fronte di una capienza regolamentare di 411 posti letto subendo un esubero di 174 detenuti.  Oltre al danno – aggiunge il sindacalista – c’è anche la beffa, i Poliziotti previsti per la gestione del Carcere dovevano essere 281, invece attualmente ne sono 204 con una forte carenza di 77 unità.

L’ Amministrazione deve capire – continua Olanda – che il personale attualmente in servizio è anziano ed è già stato spremuto da tempo sempre a causa della mancanza di personale.  Adesso, non può assolutamente pretendere che il personale non fruisca dei riposi e dei congedi.

Se L’ Attuale Governo non ha le risorse per sanare la carenza di personale non è colpa di chi per una vita si è sacrificato per svolgere i servizi Istituzionali, ma di chi non ha saputo Governare.

Bastà! Come Sindacato Ugl Polizia Penitenziaria – conclude il sindacalista – abbiamo denunciato e continueremo a farlo che l’ emergenza del Carcere di Velletri è diventata come una polveriera pronta per esplodere e le Autorità competenti “che sembrano essere sorde” ne devono prendere atto. Il Governo e le Autorità di competenza devono intervenire con urgenza, prima che sia troppo tardi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*