Lamberto Trivelloni “Volsca Ambiente S.p.a. è fallita!”

Urla a gran voce sui social Lamberto Trivelloni, che in un post su Facebook ha espressamente annunciato il fallimento della Volsca Ambiente S.p.a. società che si occupa della raccolta e trasporto di rifiuti e delle attività di spazzamento e raccolta differenziata porta a porta. Andiamo nel dettaglio in una intervista proprio al signor Trivelloni.

Lamberto VolscaInnanzitutto la domanda principale: Perchè, secondo lei, Volsca Ambiente S.p.a. sarebbe fallita?

Il fallimento della Volsca è stato più cercato che voluto. Lo scrissi a Gennaio 2010 e l’ho ripetuto continuamente in questi altri sette anni. Lo si sapeva e forse sperava che finiva così ! Sette anni fa, a mio avviso, ed i motivi li ho spiegati dettagliatamente già a suo tempo, la suddetta società non poteva essere messa in uno stato concordatario e comunque a quelle condizioni. Il Magistrato che oggi emette la sentenza e di cui parlerò a parte, dopo otto anni, è lo stesso che allora emise quel decreto di concordato preventivo . Era il 2009!

Chi sarebbero gli artefici di questo fallimento?

La attuale Assessore al Bilancio del Comune di Velletri, alla sua medesima domanda, in pieno Consiglio Comunale ( è registrato ed è agli atti ) affermò : ” sino a quando la controllavo io ( fine 2008 ) la società era un gioiellino. Aveva circa 26 milioni di euro di debiti ed altrettanti di crediti, insomma chiudeva i bilanci in attivo “ Servadio ed il suo avvocato fiduciario GUIDALDI la presero in mano subito dopo, sempre nel 2008 e da allora quello che è accaduto lo sapete : una in fallimento e quella nata sulle sue ceneri ( che a mio avviso la legge non consente in quel modo ) ha quasi triplicato il costo dei servizi che rende, passando dai 4,6 milioni del 2007 agli oltre 10 milioni di euro attuali. Non vi sono colpe o responsabilità da definire ma fatti concreti da valutare. Ognuno si faccia pure la sua idea.

Quando sono iniziati a soregere i primi “intoppi”?

I primi intoppi ? Vi sono sempre stati, è la politica che li genera, però poi, giorno dopo giorno, si sono moltiplicati ed aumentati gradualmente. Servadio è quanto di peggio poteva capitare alla nostra città e con egli le persone più vicine. Masi e Guidaldi in primis. Casa di vetro, Comune trasparente, risanamento dei conti comunali e delle sue società partecipate, riduzione dei tributi, stato delle strade cittadine, biogas, crisi del commercio locale, attentati all’ambiente ed alla nostra agricoltura, stato delle scuole, del civico Cimitero e dell’impiantistica sportiva.

Come la situazione potrebbe risolversi nell’interesse di Volsca Ambiente S.p.a. e dei cittadini?

Qualcuno ci rimette le penne. Nell’ordine ( al di là delle responsabilità individuali eventualmente accertate ) : il Comune di Velletri dovrà restituire ciò che manca dei primi 5 milioni di debito e che non ha ancora saldato e condannato ad altri 5 che gli furono illegittimamente scontati. Ergo : nuovo dissesto alle porte! Seconda ipotesi : la nuova società VOLSCA AMBIENTE E SERVIZI SPA, a mio avviso illegittima prosecuzione della precedente ( persino il nome è similare, oltre ai fornitori, ai clienti ed alla gestione ) viene chiamata a pagare i debiti e/o restituire tutti i denari ed i beni di cui si era appropriata togliendoli dal legittimo diritto dei creditori rimasti in quel modo con una mano davanti ed una dietro. E quindi alla prima in fallimento segue la seconda, con tutto quello che ne consegue.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*