Ecco i commenti dell’UGL PP dopo il suicidio di stanotte nel carcere di Velletri

Nella notte del 20.06.2017 un detenuto Italiano ristretto nel Carcere di Velletri si è suicidato nel bagno della propria cella mettendosi una busta di plastica in testa con dentro una bomboletta di gas.

carcere velletriAd accorgersi dell’accaduto è stato l’ Agente di sezione che durante il giro di controllo delle ore 03:00 si è accorto che il detenuto non era presente sul proprio letto ma nel bagno della propria cella.

L’Agente accorgendosi del silenzio anomalo chiamava ripetutamente il detenuto rinchiuso per avere la certezza della sua presenza salubre, ma purtroppo ha dovuto allarmare tutte le figure preposte perché sospettando una emergenza in atto.

A denunciare il fatto è ancora una volta il Sindacalista Ugl Polizia Penitenziaria Carmine Olanda. Il detenuto – commenta il sindacalista – è stato trovato agonizzante in bagno della propria cella con una busta di plastica in testa con dentro una bomboletta di gas e vicino ad una lettera scritta da lui.

Dalla lettera sembrerebbe che il detenuto ha manifestato la volontà di sentirsi libero dai suoi peccati suicidandosi in questo modo.

Inutile la straordinaria macchina dei soccorsi messa in funzione, nonostante il tentativo di rianimazione non c’è stato nulla da fare, il gas è stato molto più rapido a provocare il decesso.

Come sindacato – commenta  Carmine Olanda – abbiamo sempre denunciato la mancanza del servizio sanitario h24 al nuovo Padiglione D dove sono ristrette quasi 200 detenuti, ma a quanto pare nessuno ancora ha preso seriamente la nostra denuncia – forse aspettano che succede qualche altro evento critico per poi avviare il servizio –

La grave carenza di personale e l’ aumento dei posti di servizio mettono a dura prova il personale di polizia penitenziaria che giornalmente affronta le sofferenze dei detenuti che, afflitti, decidono spesso di togliersi la vita.

Chiediamo alle Autorità competenti – conclude Olanda – di prendere atto delle difficoltà del Penitenziario di Velletri inviando almeno 40 Agenti di Polizia Penitenziaria, oggi carente di 77 unità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*