Grottaferrata, celebrazioni della Festa della Santissima Madre di Dio

«Nell’anno 1230 dall’Incarnazione del Signore nostro Gesù Cristo, quando venne distrutta la vetusta città di Tuscolo da parte dei Romani, fu da questi stessi depredata l’antica Icona della Madre di Dio, la quale già da due secoli era stata trovata in una Chiesa fondata dai Monaci di Grottaferrata alle porte della città Madonna Grottaferratadi Roma. Giunto alle orecchie dei Monaci questo avvenimento e cioè che l’Icona era stata collocata nel Diakonikòn del Tempio del Corifeo degli Apostoli San Pietro, l’Egumeno del Monastero di quel tempo, Nicola III, si recò a Roma per chiedere a Sua Santità, il Papa Gregorio IX, di fare dono al Monastero, a cui già apparteneva, della Sacra Icona della Madre di Dio e sempre Vergine Maria. Questi non indugiò nell’esaudire la retta supplica dei Monaci e acconsentì nel riconsegnare a Grottaferrata la Sacra Icona. I Monaci quindi con indicibile gioia e con grande fasto, andando in processione la ricondussero nel Sacro Tempio dedicato alla Madre di Dio, ove tuttora viene venerata piamente dai Monaci e da sconfinata moltitudine di popolo». (dal Sinassario Abbaziale)

Nella città di Grottaferrata, in occasione delle celebrazioni della Festa della Santissima Madre di Dio, oggi al Tuscolo, presso l’Edicola della Madonna, ci sarà la Divina Liturgia fino alle ore 18:30. Domani, giorno proprio della festività alle ore 6:45 presso l’Abbazia di San Nilo della città ci sarà il Mattutino della Festa, a cui seguirà alle ore 8:00 la Divina Liturgia ed alle ore 10:30 la Divina Liturgia Solenne. La festività si concluderà alle ore 18:30 davanti alla Basilica Abbaziale attorno alla Icona della Santissima Madre di Dio, dopo la processione per Corso del Popolo, con l’Icona della Madonna trasportata sullo storico Carro, momento nel quale il Sindaco Luciano Andreotti, rinnoverà il voto fatto alla Santissima Madre di Dio il 2 febbraio 1944.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*