Velletri 2030, presentazione di SINFI (Sistema Informativo Nazionale Federato delle Infrastrutture)

In una nota l’Associazione Velletri 2030 in riferimento al precedente articolo riguardante la “Memoria sugli Acquedotti di Velletri“, presenta SINFI (Sistema Informativo Nazionale Federato delle Infrastrutture), comunemente conosciuto come Catasto delle Infrastrutture. Riportiamo di seguito la nota.

Velletri MemoriaSINFI nasce per facilitare la realizzazione delle infrastrutture digitali facendo tesoro delle infrastrutture già in essere. In altre parole, nasce nel tentativo di rispondere alla domanda elementare che tutti i cittadini si pongono quando assistono ad una sequenza di scavi eseguiti da gestori diversi, ma che insistono sullo stesso tratto di strada.
SINFI è frutto della Direttiva 2014/61/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014, la quale esplicita lo scopo di “facilitare e incentivare l’installazione di reti di comunicazione elettronica ad alta velocità promuovendo l’uso condiviso dell’infrastruttura fisica esistente e consentendo un dispiegamento più efficiente di infrastrutture fisiche nuove in modo da abbattere i costi dell’installazione di tali reti.” art.1, comma 1.  Tale Direttiva è stata recepita dallo Stato Italiano per mezzo dell’emanazione del D.Lgs. n. 33/2016 e successivamente con il D.M. 11/05/2016 il Ministero dello Sviluppo Economico ha stabilito le modalità tecniche per la definizione del contenuto del Sistema Informativo Nazionale Federato delle Infrastrutture.
Chi deve conferire i dati?
I soggetti deputati al conferimento dei dati sono:

  • Le amministrazioni pubbliche titolari e detentrici delle informazioni;
  • Gli operatori di rete;
  • I gestori di infrastrutture fisiche.

Quali dati devono essere conferiti?
Con riferimento specificatamente agli operatori di rete ed ai gestori di infrastrutture (siano essi pubblici o privati) i dati contenuti nel SINFI comprendono elementi del soprasuolo ed elementi del sottosuolo:

  • Rete
    • idrica di approvvigionamento
    • di smaltimento delle acque
    • elettrica
    • del gas
    • di teleriscaldamento
    • oleodotti
    • di telecomunicazioni e cablaggi
  • Infrastruttura di alloggiamento reti: tutti gli elementi di una rete di infrastrutture destinati ad ospitare altri elementi di una rete senza che diventino essi stessi un elemento attivo della rete.

Entro quando dovranno essere conferiti i dati?

Il D.M. 11/05/2016 nelle disposizioni finali definisce le scadenze per adempiere agli obblighi definiti dall’art.3:

  • Per gli operatori di rete: i dati dovrebbero essere già stati conferiti entro il 14 settembre 2016
  • Per le pubbliche amministrazioni titolari e detentrici delle informazioni: i dati dovrebbero essere già stati conferiti entro il 14 dicembre 2016

Per ritornare alla “Memoria sugli Acquedotti di Velletri“, è chiaro che la stessa è testimonianza di una rete idrica di approvvigionamento del 1840, ma la sua validità sta nel metodo di lavoro dell’epoca. L’opera costituisce una precisa rappresentazione della rete idrica di approvvigionamento della città di Velletri ben 177 anni prima della nascita di SINFI, purtroppo ad oggi ancora scarsamento popolato perchè le pubbliche amministrazioni titolari e detentrici delle informazioni hanno soltanto una vaga idea della precisa localizzazione delle infrastrutture che insistono sul territorio da esse amministrato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*