Genzano: approvato Regolamento Definizione Agevolata Controversie

 

Approvato il Regolamento relativo alla definizione agevolata delle Controversie Tributarie, ai sensi dell’art. 11 del decreto legge n. 50 del 2017, convertito con modificazioni nella Legge 21 giugno 2017, n. 96. Lo ha deciso il Consiglio comunale di Genzano di Roma, riunito giovedì 31 agosto in seduta ordinaria.

genzano comune tributo agevolazione consiglioCon questo provvedimento l’amministrazione comunale intende permettere ai cittadini di avvalersi della procedura di definizione agevolata per chiudere il proprio contenzioso. Aderendo alla definizione agevolata il contribuente è tenuto a pagare l’imposta, gli interessi, le spese di notifica inclusi nell’atto impugnato, oltre agli interessi del 4%, da calcolarsi fino al sessantesimo giorno successivo alla notifica dell’atto. La domanda di definizione agevolata della controversia deve essere presentata entro il 30 settembre 2017.

All’importo il contribuente dovrà sommare le eventuali spese di lite riscosse sulla base della sentenza non definitiva che ha deciso la controversia oggetto di definizione agevolata. La definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti si perfezionerà col pagamento entro il 30 settembre 2017 degli importi dovuti. Se l’importo dovuto è superiore a duemila euro è previsto il pagamento rateale nella seguente misura:

  • il 40% dell’importo dovuto deve essere versato entro il 30 settembre 2017;
  • il 40% dell’importo dovuto deve essere versato entro il 30 novembre 2017;
  • il 20% dell’importo dovuto deve essere versato entro il 30 giugno 2018.

Il Consiglio Comunale ha poi deliberato di affidare all’Agenzia delle Entrate-Riscossione la riscossione coattiva delle entrate comunali a mezzo ruolo di cui al DPR n. 602/1973.

Durante la riunione è stato ufficializzato l’incarico di vice sindaco, assunto da Piero Pozzana, già assessore della Giunta di Genzano di Roma. Nominato con decreto sindacale del 18 agosto 2017, Pozzana è subentrato a Bruno Facciolo, che ha rassegnato le dimissioni lo scorso 10 agosto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*