Grande successo ieri per lo spettacolo “Le sedie” della Compagnia stabile del Teatro di Terra in Piazza San Crispino

Grande successo per lo spettacolo “Le sedie“: una farsa tragica, messa in scena ieri sera all’aperto in Piazza San Crispino dalla Compagnia stabile del Teatro di Terra, diretta da Luigi Onorato. Sul palco sono andati tre personaggi celebri del teatro locale e non solo: Edoardo Baietti, nel ruolo del vecchio; Carla Petrella nei panni della vecchia e Francesco Tibaldi, che ha interpretato il ruolo dell’oratore. L’opera teatrale, composta di un solo atto, è stata scritta da Eugène Ionesco nel 1952, anno in cui è stata per la prima volta rappresentata in pubblico.

farsa sedie
Un momento dello spettacolo

La trama ruota attorno a due personaggi fissi, rispettivamente un vecchio e una vecchia, i quali freneticamente preparano delle sedie per ospitare alcune persone nella loro casa, che si riveleranno poi invisibili. Fra l’impellenza e la follia dei due anziani si pone l’attesa di un personaggio misterioso ed al contempo determinate: l’oratore, che dovrà esporre un importante messaggio. Intanto gli ospiti invisibili crescono sempre più, le sedie sembrano non essere più sufficienti… fino a che non si presenta un personaggio che verrà accolto con tutti gli onori del caso: l’Imperatore, massima estremizzazione della pazzia. L’attesa intanto cresce, fino a dissolversi completamente nel momento in cui l’oratore si presenta; vestito in giacca e bombetta il coup de théâtre è finalmente svelato…ma con un particolare: l’oratore è muto! Tutto lo stile tragico ed anche folle della rappresentazione si chiude in questa scena, la quale svela la natura “farsa” della trama. Uno spettacolo profondo, che immerge il pubblico nelle viscere della psicologia umana; una farsa tragica che rappresenta uno stile teatrale, il quale seppur oramai tramontato, si rivela essere lo specchio dell’animo umano, con tutte le sue sfaccettature ed i suoi contorni. 

Davide Brugnoli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*