Sono stati sorpresi all’interno del “Parco dei Castelli Romani” mentre alimentavano le fiamme appiccate su un cumulo di materiale di risulta da lavori di giardinaggio appena compiuti.

arrestati un giardiniere e la conviventeSono finiti così in manette un giardiniere romeno di 40 anni e la sua convivente-aiutante, anche lei cittadina romena di 31 anni, entrambi incensurati, accusati di incendio e incendio boschivo in concorso.

Ad arrestarli sono stati i Carabinieri della Stazione di Rocca Priora che stavano monitorando la zona dove sono stati “pizzicati” gli incendiari a seguito di alcuni episodi analoghi registrati nello stesso punto dell’area boschiva protetta ricadente nel “Parco dei Castelli Romani”.

Grazie ad alcune telecamere posizionate ad hoc e a servizi di appostamento durati giorni e giorni, i Carabinieri hanno colto i due giardinieri in flagranza di reato, facendo scattare le manette ai loro polsi.

Il 40enne è stato portato nel carcere di Velletri mentre per la sua compagna si sono aperte le porte della Sezione Femminile del carcere di Rebibbia.

Ufficio Stampa Comando Provinciale Carabinieri Roma