Non aveva ricevuto alcuna autorizzazione per avviare la sua attività, dall’autorità competente, e così, è finito nei guai il titolare di una casa di riposo per anziani a Lanuvio. Quando gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di Genzano ed Albano Laziale, sono entrati a sorpresa, il personale della struttura, in particolare “l’infermiera“, ha cercato in tutti i modi di nascondere i dispositivi medici abusivamente applicati ai pazienti. Gesto che non è sfuggito ai poliziotti.

Casa riposo abusiva lanuvia sequestro poliziaIl controllo, esteso a tutta la struttura, ha permesso di scoprire che, all’interno, vi erano 12 persone anziane, in gran parte non autosufficienti, la cui assistenza veniva demandata a personale non qualificato che esercitava abusivamente la professione medica.

Rinvenute grosse quantità di farmaci, supporti e strumentazioni per l’assistenza di soggetti non deambulanti, con gravi problematiche respiratorie, nonché, nascosti all’interno di un freezer, generi alimentari scaduti.